"La Regione Fvg non può mettere il bavaglio all’informazione", l'allarme di Assostampa

L'associazione della stampa del Fvg ha diramato una nota: "la Regione Fvg vuole mettere in atto una procedura che di fatto restringe ulteriormente le maglie della comunicazione sulla situazione epidemiologica in Friuli Venezia Giulia"

C'è preoccupazione, da parte di Assostampa Fvg, rispetto alla decisione della Regione Fvg di attuare una procedura che restringe la comunicazione sull'emergenza sanitaria in corso. Nei giorni scorsi, l'associazione della stampa del Friuli Venezia Giulia ha così diramato un comunicato.

"La drammatica situazione della pandemia che stiamo vivendo non può mettere il bavaglio all’informazione. Non può cancellare l’articolo 21 della Costituzione. Non può impedire ai giornalisti di porre delle domande, di garantire il diritto dei cittadini di sapere", si legge nella nota"Assostampa apprende infatti con preoccupazione e perplessità della decisione da parte della Regione Fvg di mettere in atto una procedura che di fatto restringe ulteriormente le maglie della comunicazione sulla situazione epidemiologica in Friuli Venezia Giulia".

La procedura

"Al fine di evitare "facili strumentalizzazioni" la Regione delineerà infatti una procedura di controllo con la quale il medico interpellato dovrà sottoporre la richiesta di intervista manifestatagli dal giornalista al proprio direttore generale, che la inoltrerà alla segreteria della direzione regionale, "al fine di avviare la condivisione di eventuali richieste da proporre al vicepresidente Riccardi per il suo successivo rapporto con la stampa". Tradotto: se un cronista vorrà intervistare un medico in prima linea nella lotta al Covid-19, o se vorrà interpellare un operatore del settore sanitario in costante contatto quotidiano con i pazienti e le difficoltà incontrate nella battaglia contro il virus per farsi raccontare la propria esperienza sul campo, rischia di non poterlo fare, non assicurando di conseguenza una piena e completa informazione ai cittadini. Il dipendente sanitario, infatti, a quel punto non dovrebbe rispondere alle domande bensì far partire la procedura di cui sopra: in questo modo le domande non vengono quindi più poste al medico o all'infermiere operativi nelle corsie di ospedale, ma all'assessore Riccardi. Un metodo che Assostampa ritiene farraginoso e poco utile a far conoscere nei dettagli la situazione vissuta dai nostri ospedali e dal personale sanitario in questo difficile momento in cui è fondamentale informare i cittadini sul fronte epidemiologico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • Da modello a disastro: la lettera di denuncia dei medici del Pronto Soccorso di Udine

  • Natale 2020 solo tra conviventi, ma ci sono possibilità anche per fidanzati e nonni

  • Coronavirus, oltre 700 contagi e 25 morti: Gimbe ci dà come la regione più in difficoltà

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Niente spostamenti a Natale e Capodanno, vietato uscire dal Comune

Torna su
UdineToday è in caricamento