menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I parametri per le Regioni: ecco perché le zone gialle rischiano di diventare arancioni

Fra i territori c'è chi è stato classificato a basso rischio coronavirus perché non ha inviato i dati. Ma entro la fine della settimana i numeri dovranno arrivare e alcune regioni rischiano

Zone rosse, arancioni e gialle: continuano le polemiche a seguito dell'ultimo Dpcm e le Regioni non sembrano darsi pace. Ma a breve tutto potrebbe cambiare, nel senso che con l'arrivo dei nuovi dati per gli indicatori "automatici" alcune zone e territori che erano rientrati nella zona a rischio moderato, le cosiddette "zone gialle", potrebbero finire nel lockdown "morbido" messo su dal Decreto ministeriale attraverso l'ordinanza del ministero della Salute. 

Nuovo Dpcm: come si finisce in zona rossa 

La valutazione sulle regioni in zona rossa, arancione o gialla è effettuata da una Cabina di Regia a cui partecipa oltre al dipartimento della prevenzione del Ministero della Salute (Gianni Rezza è il direttore generale), l'Istituto Superiore di Sanità (il presidente Silvio Brusaferro) e i membri designati dalla Conferenza delle Regioni. L'attività di raccolta dei dati è attiva sin dallo scorso mese di maggio. Ognuno dei tre scenari è associato ad un diverso rischio coronavirus. Il primo" scenario "è con Rt sotto il valore 1, poi tra 1 e 1,25 dove l'epidemia è ancora gestibile, e poi tra 1,25 e 1,50 in cui l'epidemia corre veloce. Questi scenari determinano la velocità con cui un'infezione si trasmette. "La combinazione degli scenari di rischio fa da driver principale per la definizione delle misure che non dobbiamo inventarci, ma sono definite nei documenti", ha precisato Brusaferro sull'analisi dei dati del monitoraggio regionale.

21 indicatori

Per il monitoraggio dell'andamento di Covid-19 in Italia, "e per classificare tempestivamente il livello di rischio in modo da poter valutare la necessità di modulazioni nelle attività di risposta all'epidemia, sono stati disegnati alcuni indicatori con valori di soglia e di allerta che dovranno essere monitorati, attraverso sistemi di sorveglianza coordinati a livello nazionale, al fine di ottenere dati aggregati nazionali, regionali e locali". A illustrare i 21 indicatori, "divisi in tre grandi categorie", come ha spiegato al ministero della Salute il presidente dell'Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro, è una nota della Direzione generale della prevenzione sanitaria e della Direzione generale della programmazione sanitaria del ministero della Salute del 30 aprile scorso. Detto ciò, come si finisce in zona rossa e perché alcune regioni si sono "salvate? 

Per cinque regioni (Abruzzo, Basilicata, Liguria, Veneto e Valle d'Aosta) mancano alcune voci. Altre invece, come per la Valle d'Aosta, arrivano a singhiozzo così come per la Campania, la Sicilia, le Marche e il Friuli Venezia Giulia.

Alcuni casi

Il ritardo di notifica della Campania potrebbe portare a un aumento dei casi nei prossimi giorni. Ma forse, nell’evitare la zona rossa, il governo ha tenuto conto delle misure aggiuntive decise dalla Regione, a partire dalla chiusura delle scuole.

Mentre per la Liguria si sospetta una parziale sottostima del Rt, che però il governatore Giovanni Toti respinge: «Avevamo chiesto un confronto prima della decisione, ne potevamo discutere lì». E poi ci sono zone grigie più sottili, come il caso del numero dei ricoverati all’ospedale di Cosenza: dato trasmesso 14, dato pubblicato 2.

Cosa rischiano Campania, Veneto e Liguria

Proprio per questo ci sono alcune regioni che rischiano a breve di finire in altre zone rispetto a quella gialla. Per inserire le sei regioni nelle zone rossa e arancione è stato usato il monitoraggio di venerdì scorso, basato sui dati dal 19 al 25 ottobre. Ma entro domenica arriveranno i dati più aggiornati e quindi alcune regioni potrebbero cambiare posizione. Tra queste c'è il Veneto che è tra le regioni gialle con riserva perché i suoi dati sono incompleti: "Considerando l’imminente rivalutazione del rischio su dati aggiornati alla settimana 26 ottobre -1 novembre 2020 - è scritto nell’ultimo verbale della Cabina di Regia - si ritiene di attenzionare in particolare queste Regioni per una definizione aggiornata e puntuale del livello di rischio". Se i dati saranno peggiori scatterà il salto di livello

In Veneto per esempio i focolai sono 3.347 dei quali 1.716 nuovi. I casi non tracciati, per i quali non si è trovata cioè una catena di trasmissione, sono stati ben 4.689. La Cabina di regia segnala però che in Veneto c’è una «bassa percentuale di completezza dei dati».

Infine, va segnalato che una volta finiti in una zona rossa è difficile uscirne: se in una regione l'Rt scende da 2 a 1,8 il virus corre ancora velocemente e quindi bisogna essere prudenti. Se invece aumenta senza superare la soglia è vero che il parametro rimane quello, ma per il principio della prudenza è meglio varare una stretta prima che sia troppo tardi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, quasi 700 contagi e 26 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento