Animali Via delle Valli, 2

Nel mare friulano è nata una stella. Anzi, più di una

Lieto evento all'acquario delle Riserve Naturali di Marano, sono nate centinaia di piccolissime stelle marine

stelle marine nell'acquario credits Giovanni Comisso

Asterina Gibbosa questo il nome della specie autoctona di stelle marine che sono nate all'acquario delle Riserve Naturali di Marano. Le piccolissime stelle marine sono grandi, si fa per dire, solo pochi millimetri. Ad occhio nudo adesso è proprio difficile vedere, come ci spiega Giovanni Comisso, naturalista e responsabile dell'acquario, ma crescendo assumeranno prima una forma a pentagono per poi sviluppare delle braccia corte e tozze. La colorazione spazia dalle tonalità verdi, marrone e grigio, a seconda della zona su cui abitualmente pascolano. Difficile incontrarle in natura perché si nascondono nei fondali sabbiosi o fangosi delle zone lagunari vicine al mare. Non resta quindi che programmare una visita per poterle ammirare da vicino e scoprire tutti i loro segreti.

Le Riserve Naturali di Marano

Sono due riserve gestite dal Comune di Marano Lagunare: la Riserva Naturale della Valle Canal Novo e la Riserva Naturale  Foci dello Stella. La prima ha una superficie complessiva di 121 ettari ed è costituita da un'ex valle da pesca. Un ecosistema naturale complesso che comprende ambienti umidi  e acque a vario grado di salinità.  All'interno della Riserva, non lontano dall'abitato di Marano, è stato realizzato il Centro visite lagunare, dotato di alcuni edifici concepiti come i tradizionali casoni. In realtà sono strutture moderne che offrono strumenti didattici all'avangiardia per conoscere  più da vicino l'incantevole ambiente lagunare. Oltre a questi edifici ci sono alcuni manufatti per l'osservazione degli uccelli e degli animali e lo studio dell'ambiente lagunare, nell'area è stato realizzato l'acquario, dove si possono incontrare le baby stelle marine e tanti altri organismi che popolano questo straordinario ambiente che è la laguna.

La Riserva Naturale Foci dello Stella è raggiungibile esclusivamente via acqua attraverso il delta del fiume Stella, che si può risalire fino a Precenicco e Palazzolo. Vero paradiso per gli appassionati di birdwatching, si possono osservare tra gli altri falchi di palude, cigni reali, aironi rossi, cinerini e bianchi. Alla foce dello Stella si trova anche un villaggio di casoni dei pescatori. Fatti di canna e legno, hanno un focolare al centro e sono tutti rivolti verso ovest per ripararsi da bora e tramontana.

mappa_della_riserva_naturale-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel mare friulano è nata una stella. Anzi, più di una

UdineToday è in caricamento