rotate-mobile
Animali

Le 3 razze di gatti più costose al mondo

Al mondo vi sono tantissime razze di gatti, ma quali sono le tre più costose? Scopriamo tutte le caratteristiche di questi rari felini

Igatti non sono tutti uguali. Soprattutto se di razza, infatti, questi felini costano più dei loro simili e possono raggiungere anche migliaia di euro; basti pensare che il gatto più costoso al mondo può giungere a toccare anche la soglia dei 70.000€ e difficilmente si trova sotto i 20.000€.

Scopriamo insieme quali sono le tre razze di gatti più dispendiose.

Ashera

ashera-2

Il gatto Ashera è il più costoso al mondo. Si tratta di un felino geneticamente modificato, che può essere addirittura creato con pelo anallergico perfetto in caso di sensibilità al pelo di questi pet.

L’Ashera è una specie molto rara, deriva dalla razza Savannah, e creata da un’idea di marketing da parte di un’azienda di animali il cui obiettivo era espandere il mercato di animali domestici unici ed esotici alle persone più ricche e facoltose.

Oltre al suo elevatissimo costo, che può arrivare anche ai 70.000€, il gatto Ashera è anche la razza più rara del mondo; noto con il nome di gatto giaguaro per via del particolare colore del manto, questo animale nonostante l’aspetto "originale" è un coccolone, docile e molto sedentario, motivo per cui deve essere incoraggiato al gioco e all’attività fisica.

Un gatto Ashera può arrivare a pesare circa 15 kg, ciò che lo caratterizza maggiormente è il pelo leopardato e le orecchie a punta che gli conferiscono un aspetto tipicamente esotico.

Gatti al guinzaglio è solo moda oppure vi sono realmente dei benefici per il pet?

Savannah

savannah-2

Il gatto Savannah si aggiudica il secondo posto della classifica dei felini più costosi al mondo. Questi pet, infatti, possono raggiungere la soglia dei 25.000€.

Così come l’Ashera, anche questa razza è nata da un incrocio tra un gatto domestico e un Servalo Africano. C’è da sottolineare che i Savannah che si allontanano di cinque o sei generazioni dal Servalo Africano possono avere un costo più calmierato, che si aggira intorno ai 1000 - 1500€.

Si tratta di una specie poco conosciuta e diffusa in Italia, e le cui dimensioni variano molto in base alla generazione di appartenenza, ossia alla quantità di caratteristiche ereditate dal Servalo; gli esemplari più grandi possono raggiungere un metro di lunghezza e un peso di 15kg circa.

Per quanto riguarda il carattere, questo felino un po’ come il suo cugino Ashera ha un aspetto molto particolare, che ricorda un giaguaro, ma nonostante ciò ha un carattere docile, buono e giocherellone. I Savannah sono molto curiosi e affettuosi, socievoli anche con gli sconosciuti, e perfetti come animali domestici anche in caso di bambini.

Peterbald

gatto-Peterbald-2

Al terzo posto dei gatti più costosi troviamo il Peterbald che può costare all'incirca sugli 8.000€. Si tratta di una razza relativamente giovane, basti pensare che il primo esemplare è nato intorno al 1994, a San Pietroburgo.

Fu chiamato inizialmente “Petersburg Sphynx” ed infine Peterbald, poiché deriva dal gatto Sphynx dal quale ha ripreso il particolare manto “nudo”, il corpo magro, la coda lunga e le orecchie molto grandi e a punta.

Il gatto Peterbald è molto amichevole, socievole e ha un carattere dolcissimo; è molto attaccato al suo padrone e soffre tantissimo la solitudine. Si tratta di una specie anche molto attiva e amante del gioco, per tale ragione non è adatta a chi ha uno stile di vita più sedentario poiché richiede molte attenzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le 3 razze di gatti più costose al mondo

UdineToday è in caricamento