Animali

Vita da cani(le): l’esperienza unica di diventare volontario (Episodio 9)

Quando si diventa volontari del canile si viene letteralmente “travolti” da tantissime emozioni: a parlarcene è l’esperta Eleonora Bizzozero

Condividere la propria vita con un animale è di sicuro un’esperienza appagante e divertente. Non sempre però, si ha la possibilità di adottare un cane ma questo non vuol dire dover rinunciare al quattro zampe. Attraverso l’esperienza del volontariato nel canile è possibile stare a contatto con i pelosi e nello stesso tempo essere utili.

Sicuramente diventare volontario all’interno di un canile è qualcosa di estremamente profondo perché si entra in contatto con situazioni difficili, ma nello stesso tempo si scopre quanto questi cani siano in grado di dare un amore incondizionato che il più delle volte lascia senza parole.

“Io soffro, sento, amo”: la petizione per riconoscere gli animali come esseri senzienti 

Eleonora Bizzozero, educatrice cinofila e docente della scuola ThinkDog, è una volontaria che ha deciso di accogliere nella sua vita i cani ospitati nei canili. Insieme a noi è pronta a condividere le sue competenze e cosa realmente vuol dire essere volontario in un canile.

L’esperienza meravigliosa di diventare volontario in un canile

Condividere la propria vita con un cane è di sicuro un’esperienza piena di emozioni, le stesse che si possono vivere se si decide di diventare volontario in un canile. Trovare del tempo da trascorrere insieme ai cani ospitati dalle associazioni fa bene ai quattro zampe, perché questi vivono spesso in solitudine. Quando trascorrono del tempo con un volontario che gli dedica attenzioni per loro è un momento di gioia che fa bene anche allo stesso volontario. I pelosi sono esseri nati liberi e la creazione delle strutture è una responsabilità dell’uomo, per questo il suo dovere è quello di far sì che i cani rimangano poco tempo all’interno di queste strutture, ma soprattutto deve garantirgli una vita dignitosa.

Come fare a diventare un volontario

La passione è ciò che muove tutte le nostre azioni e non deve essere da meno anche quando si decide di diventare un volontario, ma questo non basta. Per il benessere del quattro zampe è importante anche essere empatici e frequentare un corso (se previsto dalla struttura) o farsi affiancare da volontari più esperti per conoscere i cani presenti all’interno del canile e le attività da svolgere.

Le attività della giornata tipo di un volontario

Decidere di diventare un volontario è un impegno che non deve essere preso sottogamba, per questo è importante che si rispettino le regole della struttura per evitare che ci siano incidenti e soprattutto bisogna essere affidabili nel rispettare i turni perché i cani devono sempre avere le cure assicurate. In generale la giornata di un volontario dipende dalle attività previste per quel turno e possono essere differenti: dalla pulizia del box alla distribuzione del cibo, ma anche portare un cane dal veterinario presente nella struttura o occuparsi dei momenti di svago dei quattro zampe.

L’esperienza magica di diventare un volontario

Vivere l’esperienza del volontariato in canile è qualcosa di meraviglioso e lo sa bene Eleonora Bizozzero che ha iniziato a fare la volontaria 25 anni fa. In questi anni la sua esperienza l’ha portata a fare di tutto, dal pulire i box, a organizzare i mercatini fino a portare a casa con sé cuccioli che non avevano più la madre per allattarli. Quello che però ha segnato nel profondo tutto questo periodo sono state una serie di emozioni sia negative che positive che ancora oggi fanno parte della sua quotidianità. Il canile infatti è un luogo in cui i cani e le sensazioni che essi scaturiscono emergono in modo naturale lasciando una sensazione di felicità difficile da spiegare a chi non lo prova sulla propria pelle.

Nel video l’educatrice cinofila e la docente della scuola ThinkDog è pronta a raccontare la sua esperienza personale e le gioie di diventare un volontario all’interno di un canile.

Per comprendere meglio i cani e il mondo dei canili, continuate a seguire la nostra rubrica e i consigli dell’esperta.

Nelle puntate precedenti di Vita da cani(le)

Vita da cani(le): tutti i pregiudizi da sfatare (Episodio 1) 

Vita da cani(le): gli aspetti da non sottovalutare quando si adotta un cane (Episodio 3) 

Vita da cani(le): le conseguenze dell’abbandono per i cani (Episodio 4) 

Vita da cani(le): le attività per far socializzare i cani e prepararli all’adozione (Episodio 5) 

Vita da cani(le): i pregiudizi da sfatare sui cani che non vengono adottati (Episodio 6) 

Vita da cani(le), l’iter da seguire per adottare i quattro zampe (Episodio 7) 

Vita da cani(le): per adottare un cane servono comprensione e connessione (Episodio 8) 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vita da cani(le): l’esperienza unica di diventare volontario (Episodio 9)
UdineToday è in caricamento