"Grazie Gemona": Pistorius lancia il suo messaggio in mondovisione

Il sudafricano, che ha preparato l'avventura olimpica nel centro della pedemontana friulana, non si dimentica del calore ricevuto dalle nostre parti e appena qualificatosi per la semifinale dei 200m manda il suo saluto

Pistorius in azione

Qualificazione alla semifinale per il sudafricano Oscar Pistorius, con annessa  clamorosa eliminazione – causa infortunio – del grande favorito per l'oro, Lashawn Merritt.

I tempi del velocista sudafricano non indicano grandi possibilità di accedere alla finale (dovrebbe scendere sotto i 45 secondi), ma il risultato è già di grande valore.

La grande vittoria di Pistorius è rappresentata dalla possibilità che ha avuto, cioè quella di gareggiare assieme a tutti gli altri atleti "normodotati", dopo che le sue protesi sono state valutate come accettabili e non migliorative della prestazione dal CIO dopo una lunga trafila burocratica.

Il Friuli si sente emotivamente coinvolto, visto che Pistorius si è preparato a Gemona del Friuli per l'avventura di Londra. Dopo la batteria di qualificazione, dove ha chiuso al secondo posto, non è mancato il ringraziamento per la cittadina pedemontana.

Potrebbe interessarti

  • "20 motivi per cui Udine è davvero la città peggiore d'Italia", l'articolo virale sui social

  • Api, vespe e calabroni: come allontanarli con rimedi naturali

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Piante grasse: perché tenerle in casa?

I più letti della settimana

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • La Guardia di Finanza ad Aria di Festa, cucina ferma e centinaia di avventori in protesta

  • "20 motivi per cui Udine è davvero la città peggiore d'Italia", l'articolo virale sui social

  • Un flop dietro l'altro, gli eventi per l'Europeo Under 21 sono costati 90mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento