Antonio Di Natale: dichiararsi gay, come reagirebbero i tifosi?

L'attaccante commenta in questo modo l'invito rivolto dal ct Cesare Prandelli, che ha chiesto ai calciatori gay di fare coming out. Secondo il numero dieci dell'Udinese infrangere il tabù nel calcio è quasi impossibile

«Professionalmente stimo parecchio mister Cesare Prandelli e gli sono affezionato come uomo, ma non sono d'accordo con lui. Infrangere il tabù dell'omosessualità nel mondo del calcio è un'impresa difficile, direi quasi impossibile».

Il bomber napoletano dell'Udinese Antonio Di Natale commenta così, sul numero di 'Chi" in edicola questa settimana, le parole di Cesare Prandelli sull'argomento. Il CT della nazionale, infatti, nella prefazione del libro di Alessandro Cecchi Paone "Il campione innamorato", ha invitato i calciatori gay a fare coming out.

Ancora un passo dell'intervista a Totò «Mi chiedo: come potrebbero reagire i tifosi? Mica possiamo prevedere le reazioni di tutti. Mi dispiace, ma non condivido la scelta di rendere pubblica, almeno nel mondo del calcio, una situazione privata così importante. Il nostro mondo, sotto certi punti di vista, è molto complesso».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolta da un’acquasantiera, muore a 7 anni

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

Torna su
UdineToday è in caricamento