L'Apu stecca ancora in casa, le pagelle: Cromer il peggiore, si salva Beverly

Udine delude ancora e sprofonda in una crisi di gioco e risultati

In una partita giocata in un clima quasi surreale l’Apu OWW sprofonda ancora in casa con Ferrara e certifica la propria crisi esistenziale. Dopo questa prestazione diventa difficile pensare razionalmente in positivo per il prossimo futuro ed è necessario aggrapparsi a concetti come “lo sport spesso è imprevedibile” o “il campionato vero inizia con i playoff”. Ma l’errore di valutazione più grande sarebbe quello di dare una spiegazione esclusivamente tecnica a questo ennesimo insuccesso. È vero che Udine ha sparacchiato a salve dall’arco (4/31!) e questo conferma che la squadra è monotematica in attacco, ma quelle che sono mancate clamorosamente sono state la difesa e la voglia di vincere del gruppo. Vincere sul piano tecnico se possibile, altrimenti con altre armi come fanno le squadre vere. Ad esempio se il tiro non entra è opportuno andare di più al ferro. Non abbiamo visto aggredire in difesa l’avversario, né provare ad alzare i ritmi o, persa per persa, buttarla sulla bagarre. Soltanto lo sporadico tentativo di reazione di qualche singolo, peraltro poco convinto. Un quieto tran-tran verso la ineluttabile sconfitta, questa in estrema sintesi la partita con Ferrara al Carnera. E siamo convinti che il pubblico abbia contestato e fischiato questo atteggiamento della squadra più che la sconfitta di per sé. Tifosi e appassionati udinesi vorrebbero anche giustamente capire se il progetto di quest’anno può essere ancora vincente – come dichiarato dalla società – o se devono prendere atto di un’altra stagione di transizione. Il problema è che non lo sa nessuno anche se ovviamente crescono i dubbi di una squadra con un equilibrio precario e di una gestione tecnica poco autorevole e convincente. Udine in realtà non era partita male e a metà del primo quarto conduceva per 14 a 6, salvo addormentarsi e permettere un parziale recupero degli ospiti. Nella seconda frazione dopo le iniziali schermaglie Ferrara allungava con due triple di Wiggs (22-29) e praticamente non sarà più ripresa. Udine restava a galla con alcune giocate di Beverly ma chiudeva il primo tempo in evidente difficoltà sul 28-40. Ferrara senza fare nulla di straordinario confermava di essere squadra costruita bene e che sa come stare in campo. Alla ripresa la musica non cambiava (terzo quarto 48-59) così gli ospiti portavano a casa la vittoria senza particolari sussulti, finale 69-74 con bomba (inutile e un po’ beffarda) di un inconcludente Cromer sulla sirena.

Le pagelle

APU OWW

TJ Cromer 4 Onestamente imbarazzante. Emergono i limiti di un giocatore stile playground, tiene troppo la palla e se non segna diventa dannoso, 4/16 al tiro

Amato  4,5 Non prende mai in mano la squadra né fa le sue giocate di talento, 3/11 dal campo 

Gazzotti  5,5 Non era lui che poteva dare una scossa, benino a rimbalzo

Beverly 6 Fa il suo onesto lavoro, si batte sottocanestro e in difesa ma non è certo un “guy to go”

Antonutti 5,5 Il tabellino individuale sembra positivo ma un capitano affonda con la propria nave e lui non fa eccezione

Zilli 5,5 Può dare difesa e agonismo e negli 11 minuti giocati il suo lo fa

Nobile 5 Oggi non la mette mai, sta molto in campo ed è uno dei pochi a provare a difendere duro ma non basta

Jerkovic  ng

All. Ramagli 5 Non riesce a scuotere la squadra e si limita a proporre un po’ di zona. Certo mancavano Fabi e Penna ma non può chiamarsi fuori dalle sue responsabilità sulla gestione odierna e sulla difficile situazione in generale

Kleb Ferrara

F.Campbell  6, Wiggs  7,5, Vencato  6, Fantoni 6,5, Baldassarre 6,5, Panni 6,5, Ebeling 6,5, Beretta 6, Buffo ng

All.  S.Leka 7

Tabellino

Apu Old Wild West Udine – Feli Pharma Ferrara 69-74 (16-13, 12-27, 20-19, 21-15)

Apu Old Wild West Udine: Michele Antonutti 20 (7/13, 1/3), Gerald Beverly 17 (6/11, 0/0), T.j. Cromer 15 (1/3, 3/13), Giacomo Zilli 5 (2/4, 0/0), Andrea Amato 4 (2/5, 0/6), Giulio Gazzotti 4 (2/5, 0/3), Vittorio Nobile 2 (1/2, 0/6), Mihajlo Jerkovic 2 (0/0, 0/0), Daniel Ohenhen osasenaga 0 (0/0, 0/0), Matteo Minisini 0 (0/0, 0/0), Agustin Fabi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 22 – Rimbalzi: 45 16 + 29 (Michele Antonutti 13) – Assist: 10 (Andrea Amato 3)

Feli Pharma Ferrara: Sekou Wiggs 19 (2/4, 4/5), Tommaso Fantoni 14 (4/8, 0/0), Patrick Baldassarre 11 (3/8, 1/4), Folarin Campbell 9 (2/5, 1/4), Alessandro Panni 8 (3/3, 0/3), Michele Ebeling 7 (2/6, 1/2), Luca Vencato 4 (2/2, 0/1), Eugenio Beretta 2 (1/2, 0/0), Alessandro Buffo 0 (0/0, 0/0), Carlo Balducci 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 25 – Rimbalzi: 37 6 + 31 (Sekou Wiggs 8) – Assist: 20 (Folarin Campbell 7)


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Clima impazzito: un temporale di neve imbianca il Friuli

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento