I tifosi dell'Udinese lanciano l'appello per uno stadio pieno

Il gruppo Facebook "Noi tifosi dell'Udinese" chiama a gran voce il pubblico friulano per la partita di Europa League contro l'AZ Alkmaar, durante la quale l'undici di Guidolin sarà chiamato all'impresa del recupero

Gli amministratori del gruppo Facebook “Noi tifosi dell'Udinese” tornano a lanciare  l’appello a tutti i friulani appasionati dei colori bianconeri perchè si presentino in massa allo stadio, in occasione della sfida contro l’AZ Alkmaar, decisiva per il passaggio del turno in Europa League. Poche righe, sintetiche ed essenziali, per convincere e spronare tutti coloro che vogliono bene all'Udinese.

“I friulani domani devono sostenere con calore e convinzione la squadra, dimostrando di essere il dodicesimo uomo in campo. Sarà una sfida dura, ma non è impossibile rovesciare il risultato dell’andata. Siamo sicuri che i giocatori non molleranno fino all’ultimo minuto. Così deve essere anche per i friulani che devono sentirsi orgogliosi di questa squadra, essere presenti in tantissimi allo stadio e far sentire la loro voce a sostegno dell’Udinese per tutta la durata della partita.Non dobbiamo mollare mai ed insieme ce la potremo fare!

Sul blog www.orgogliosidelludinese.it  e su orgogliosidelludinese@gmail.com prosegue la raccolta di firme per l’appello “Tutti allo stadio!”

Potrebbe interessarti

  • Contributi per la casa, ecco le nuove regole

  • Le piscine a Udine e dintorni: dove andare per rinfrescarsi in acqua

  • Box doccia: tutti i rimedi e le soluzioni per pulirlo

  • Malga Montasio: tutto quello che c'è da sapere

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in Friuli

  • Violenza sessuale su una bambina di 9 anni in un locale del Cividalese

  • Scossa di terremoto in Carnia, la terra trema ancora una volta

  • Mette in vendita la sua auto e si ritrova con 10mila euro in meno in tasca

  • Rubano 3mila euro di birra e cibo alla sagra e si bevono quasi tutto, denunciati

  • Auto a ruote all'aria per un brutto incidente

Torna su
UdineToday è in caricamento