Guidolin: "in Olanda con orgoglio". Le formazioni di AZ-Udinese

Ancora un impegno ravvicinato per l'Udinese che domani sera per gli ottavi di Europa League sarà impegnata nel nord dell'Olanda. Stasera la conseuta conferenza stampa della vigilia. Mister Guidolin si fida "dei suoi ragazzi"

Il tecnico dell'Alkmaar, Peter Tim Verbeek, ha già messo le mani avanti: "L'Udinese è favorita". Non sappiamo come l'abbiano presa in società, all'AFAS Stadion, ma la sua affermazione sa tanto di excusatio non petita, ovvero accusatio manifesta.

Che gli vada bene o male non avrà molto da perderci: nonostante l'Alkmaar l'anno scorso abbia partecipato alla fase a gironi della Champion's, per il resto ha sempre vivacchiato in Europa, a fasi alterne, senza raggiungere risultati esaltanti.

E' stato più cauto ma comunque grintoso mister Guidolin, che come al solito ha decantato le doti degli avversari ma ha speso parole di fiducia nel suo gruppo. Gruppo del quale non fanno parte diversi elementi di spicco, fra cui Basta e Abdi, oltre che Fabbrini, squalificato per somma di ammonizioni. Armero e Pinzi invece sono stati risparmiati domenica, probabile che partano dall'inizio.

Vediamo quindi il rebus di Francesco Guidolin. Scelte abbastanza scontate nelle retrovie, dove dovrebbero operare come sempre Handanovic e poi Benatia, Danilo e Domizzi.

A centrocampo c'è l'emergenza fascia destra. Potrebbe partire Ferronetti, affiancato da Pazienza, Asamoah, Pinzi e Pasquale. A meno che l'acciaccato Asamoah non recuperi. In quel caso pronto Battocchio che ha sempre ben figurato.

Scelte risicatissime infine in attacco, visto tra l'altro che nè Torje nè Barreto sono in lista Uefa (insieme a Fernandes). I tifosi sperano in un super Di Natale, presumibilmente supportato dalla velocità di Armero. Ma c'è anche Floro Flores, ultimamente a suo agio in Europa League.

PROBABILI FORMAZIONI:

AZ ALKMAAR (4-3-3): Esteban; Poulsen, Moisander, Marcellis, Moisander; Maher, Elm, Martens; Beerens, Altidore, Holman

UDINESE, (3-5-1-1): Handanovic; Benatia, Danilo, Domizzi; Ferronetti, Pinzi, Pazienza, Asamoah, Pasquale; Armero; Di Natale

Ma leggiamo le parole della conferenza stampa di Guidolin pubblicate dal sito www.udinese.it

"Siamo qui, agli ottavi di finale, con orgoglio. Ci teniamo a fare bene. Le difficoltà in trasferta? Non siamo il Barcellona, siamo l'Udinese. Abbiamo i nostri pregi e le nostre difficoltà"

"Credo che la nazionalità non influisca tra le difficoltà da affrontare sul campo: non sono d'accordo con il discorso 'le italiane soffrono contro le...'. E' un discorso più generale. Non conosco in generale molto il calcio olandese, ma conosco bene l'AZ, che ho studiato in questi giorni. E' una buona squadra, è prima in classifica, l'abbiamo studiata abbastanza bene"

"Il mio giocatore preferito in assoluto è stato Cruijff e il più grande centravanti che ho mai visto giocare è Marco Van Basten... Così posso rispondervi alle domande storiche sul calcio olandese"

"Non so se le italiane soffrono il calcio sulle fasce delle olandesi, come ha detto Moisander ieri. Dovremo stare attenti soprattutto alla loro velocità. Sono ben organizzati e veloci"

"Perchè la presenza di Totò è sempre in dubbio in Europa? E' una mia scelta. Lui ha bisogno di recuperare, non regge le 3 gare a settimana. Può entrare anche a partita in corso e cambiarla. Certo, in una stagione così lunga e faticosa, bisogna tenere conto anche dell'età dei giocatori e delle loro condizioni, di settimana in settimana"

"Possiamo anche cambiare il nostro sistema di gioco, vedrò in base alla logica. La stessa logica che non mi fa rimpiangere la scelta di non aggiungere altri attaccanti. Con l'infortunio di Isla ora è facile ragionare a posteriori. Ma non ho rimpianti. Se firmerei per un pari con gol? Dobbiamo fare bene, domani sarà fondamentale per la qualificazione"

"E' una stagione piena di trabocchetti per noi: accettiamo le difficoltà e cercheremo di avere il massimo da chi c'è. Mi fido dei miei ragazzi"

"Essere considerati sempre la 'sorpresa', partire sempre senza le luci dei riflettori ed arrivare a stupire è il valore che ci spinge a dare tutto, sempre. E' la cosa più bella per noi"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento