L’Apu Gsa cade ancora in trasferta: Verona batte Udine 77 a 66

I bianconeri chiudono male l'anno solare 2018 lasciando ai padroni di casa centrare l’ottava vittoria consecutiva. Il commento e le pagelle di Otello Savio

Verona è fatale anche alla Gsa che perde sul campo della Tezenis e si allontana ulteriormente dalla testa della classifica. Proprio come per i canestri, vittorie e sconfitte si pesano e non solo si contano e quello di ieri sera è uno stop che fa molto male.

Questa partita per diversi motivi rappresentava infatti un crocevia per il campionato dei bianconeri. Una vittoria avrebbe significato una svolta in positivo e un rilancio delle ambizioni  dopo una prima parte di torneo altalenante. La sconfitta, per come è maturata e per di più contro una concorrente diretta, conferma invece come siano strutturali i problemi di questa squadra e probabilmente costringerà la società ad alcune riflessioni. Sul parquet scaligero è andato in onda un film già visto nelle gare in trasferta dove puntualmente nel momento decisivo ovvero quando si alza l’intensità e la pressione del match i giocatori di Cavina spariscono dal campo. 

Fino a tutto il terzo quarto, finito 55-51 per la Gsa, la partita è stata combattuta e in sostanziale equilibrio. Verona è una squadra strana, parte con il suo leader Ferguson in panchina e nonostante una grande fisicità pratica un gioco che privilegia in modo ossessivo il tiro da 3 sugli scarichi. Inoltre si presentava  in grande fiducia venendo da un filotto di sette vittorie molte delle quali acciuffate  al fotofinish. Udine ha giocato per tre quarti una buona gara nonostante la prestazione trasparente di Simpson e quella ondivaga di Cortese, con un piano difensivo che prevedeva di aggredire le guardie avversarie. Poi, nell’ultima frazione il crollo verticale, come se fosse improvvisamente finita la benzina mentale, con palle perse incredibili e un paio di contropiedi presi  tre contro zero, 26—11 il parziale da incubo che dice tutto e di più.  

Con la befana domenica arriva Treviso seconda in classifica ma reduce da una imprevista sconfitta interna con Piacenza. Siamo convinti che la squadra avrà una reazione d’orgoglio di fronte al proprio pubblico ma  rimane il fatto che intanto le finali di Coppa Italia sono state mancate e questo è un passo indietro rispetto allo scorso anno. Più in generale il girone d’andata si chiuderà ben che vada con un record di 9 vinte e 6 perse ed il sesto posto in classifica, un po’ poco per gli ambiziosi obiettivi della società. In ogni caso buon 2019 a tutti!       

Le pagelle

GSA UDINE

Mortellaro  6. Di stima, sostituisce come può un ottimo Pellegrino

Simpson  5. Semplicemente non entra in partita. Talento offensivo con limiti di personalità, rimane sempre  il dubbio che soffra la coesistenza tecnica con Cortese. 2/11 con 0/5 da 3

Powell  6,5. Complessivamente una buona gara ma la leadership va cercata altrove, 5/14 e 7 rimbalzi

Cortese  5,5. Alti e bassi poi nell’ultimo quarto si eclissa anche lui,  5/12 dal campo

 Genovese  ng

Pellegrino 6,5. Il migliore. Lotta con profitto contro avversari di stazza, 6/9 e 7 rimbalzi

Nikolic ng

Penna  6. Conferma i recenti segnali positivi, bene in difesa ma forse è ancora tenero per reggere un confronto ad alto livello

Spanghero  5,5.  Una tripla e stop, serata incolore

Pinton  6,5. Entra in campo soltanto nel terzo quarto e a freddo mette 2 bombe che tengono avanti la sua squadra alla fine del periodo

All. Cavina  5,5. Subisce il rush vincente di Verona e alla fine si dichiara soddisfatto della prestazione. Qualcuno gli dovrebbe ricordare che questa squadra è stata costruita per provare a vincere il campionato

TEZENIS VERONA

Amato 5, Henderson  7 , Severini  7, Candussi  6,5, Ferguson  7,5, Ikangi  6,5, Quarisa  6, Maspero  ng , Dieng 5,5

All.  Dalmonte  7

Tabellino

Tezenis Verona – G.S.A. Udine 77-66 (23-20, 11-17, 17-18, 26-11)

Tezenis Verona: Terry Henderson 15 (2/5, 3/5), Jazzmarr Ferguson 15 (5/8, 0/3), Giovanni Severini 14 (2/3, 3/6), Francesco Candussi 13 (5/7, 1/5), Iris Ikangi 8 (1/5, 2/2), Andrea Amato 5 (1/3, 1/7), Andrea Quarisa 4 (2/4, 0/0), Omar Dieng 3 (0/0, 1/2), Giacomo Maspero 0 (0/0, 0/0), Mattia Udom0 (0/0, 0/0), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0), Francesco Oboe 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 8 / 10 – Rimbalzi: 34 11 + 23 (Francesco Candussi 10) – Assist: 17 (Jazzmarr Ferguson 6)

G.S.A. Udine: Marshawn Powell 16 (4/10, 1/4), Riccardo Cortese 14 (3/5, 2/7), Francesco Pellegrino 12 (6/8, 0/1), Lorenzo Penna 6 (0/0, 2/3), Mauro Pinton 6 (0/0, 2/3), Trevis Simpson 5 (2/6, 0/5), Chris Mortellaro 4 (1/2, 0/0), Marco Spanghero 3 (0/1, 1/2), Stefan Nikolic 0 (0/0, 0/1), Salvatore Genovese 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 10 / 11 – Rimbalzi: 31 7 + 24 (Marshawn Powell, Francesco Pellegrino 7) – Assist: 10 (Riccardo Cortese, Lorenzo Penna, Trevis Simpson 3)

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si presenta ubriaco e insulta tutti alla riunione degli alcolisti anonimi

  • Cronaca

    Scassinano le macchinette del ticket dell'ospedale

  • Cronaca

    Ingresso proibito all'asilo perché senza vaccini, arrivano i carabinieri

  • Cronaca

    Ritrovano due statue rubate a 40 anni dal furto, all'appello ne mancano altre 20

I più letti della settimana

  • Picchia la nipote minorenne e va a letto con la madre

  • Degrado e prostituzione, chiuso un centro massaggi nell'Alto Friuli

  • Apre a Udine il tempio dei cocktail dove il vino è bandito

  • Truffa del bancomat in azione, rubati oltre 3mila euro da un conto

  • Auto finisce fuori strada e si ribalta nella vigna

  • Arriva in regione Chef Rubio e lo sfottò sui friulani è assicurato

Torna su
UdineToday è in caricamento