Ecomusei: cosa sono e dove si trovano in Friuli?

Tutti gli ecomusei presenti in regione: cosa sono, cosa offrono e perché visitarli

@ Immagine tratta da ecomuseovalresia.it

Nella nostra regione ci sono cinque ecomusei da visitare almeno una volta nella vita in compagnia di amici e familiari. Non si tratta di edifici veri e propri come i tradizionali musei, ma l'ecomuseo è diffuso nel territorio, di cui si vuole rendere vivibili le caratteristiche del paesaggio, la sua storia, la memoria, le lingue e le identità, valorizzando il patrimonio culturale e ambientale. Ma dove si trovano e cosa offrono?

Acque del Gemonese

Protagonista di questo ecomuseo è il Campo di Osoppo - Gemona. Si tratta di una piana alluvionale circondata completamente da rilievi, e solcata a ovest dal corso del fiume Tagliamento. Questa piana si è formata tramite il lavoro e lo scorrere dell'acqua. Il campo, infatti, deriva da un vasto lago che si estendeva a monte delle colline moreniche. Il lago non è ancora scomparso, ma sopravvive nei vuoti lasciati tra granulo e granulo dalle ghiaie. Oggi costituisce l'ampia falda freatica che si estende a pochi metri di profondità, che disseta oltre 300mila friulani e che, in particolari condizioni, affiora in superficie dando luogo a un articolato sistema di risorgive di elevato interesse naturalistico. Qui, l'uomo interviene da secoli, ma con l'istituzione dell'ecomuseo, viene proposto ora un nuovo modello di gestione del territorio che interpreta, conserva e valorizza i siti naturali.

I Mistîrs

Il secondo ecomuseo è nato per conservare e valorizzare il patrimonio della comunità di Paularo. Questa realtà è incentrata sulla tutela degli antichi mestieri e sulla riscoperta di professionalità dimenticate. Il gestore dell'ecomuseo è il comune di Paularo, che ha promosso la costituzione di un comitato in cui sono rappresentate tutte le associazione e le realtà locali, le quali svolgono attività culturali e di salvaguardia del patrimonio della comunità, ossia il "save fâ di Paulâr".

Lis Aganis

Questo economuseo di trova in provincia di Pordenone, a Maniago, ed è stato creato nel 2004. Si trova in una zona montana rurale e cerca di stimolare una condivisione attiva del patrimonio e dei beni della comunità, la protezione dell'ambiente e del paesaggio, la promozione delle cultura e della società, oltre a una migliore qualità di vita degli abitanti, la riscoperta delle conoscenze e delle tradizioni e la loro trasmissione.

Ecomuseo Val Resia

L'ecomuseo di Val Resia è un museo diffuso su tutto il territorio della Val Resia, al fine di proteggere, valorizzare e condividere il patrimonio naturale e culturale della valle. Si tratta di un insieme di sentieri fisici e culturali, da percorre lungo la valle per raggiungere i luoghi più caratteristici e per comprendere l'essenza della storia naturale e umana di Resia e delle sue genti. Si può scegliere tra cinque percorsi diversi, chiamati "vie":

  • Via agli antichi ghiacciai, che attraverso Gniva conduce a Sella Carnizza;
  • Via agli alpeggi, che attraverso Oseacco conduce a Provalo;
  • Via agli stavoli, che attraverso San Giorgio conduce a Stavoli Ruschis;
  • Via alla musica, che attraverso Stolvizza conduce a Coritis;
  • Via del gusto, che attraverso le case di Gost conduce a San Giorgio.

Territorio, Genti e Memorie

L'ultimo ecomuseo si trova tra il Carso e l'Isonzo e tutte le informazioni possono essere chieste a Ecomuseo Territori. Genti e memorie tra Carso e Isonzo, piazza dell'Unità, 24 Ronchi del Legionari (0481 774844 o info@territori.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Incidente mortale a Tarcento, la vittima è un 39enne di Majano

  • Mestre, 24enne di Osoppo muore per sospetta overdose

  • A 24 anni apre il primo e unico negozio in regione di alimentazione naturale per cani

  • Razzia di tonno in scatola, fugge dalla Lidl con un bottino di 90 scatolette

  • Incidente mortale sulla Udine-Venezia, raffica di soppressioni e ritardi

Torna su
UdineToday è in caricamento