Palmanova, le curiosità sulla città patrimonio UNESCO

Tutte le informazioni sulla storia della città e su cosa visitare a Palmanova

La città-fortezza di Palmanova è un gioiello della nostra regione, con una storia lunga secoli e una forma stellata che la rende riconoscibile in tutto il mondo.

La storia della città

La data di fondazione di Palmanova si fa risalire al 7 ottobre 1593. In questa data, infatti, i rappresentati della Repubblica di Venezia decidono di fondare la città perché ricordava due avvenimenti importanti: la ricorrenza di Santa Giustina (che diventerà poi patrona della città), e l'anniversario della vittoria di Lepanto sui turchi, che avvenne il 7 ottobre 1571. La storia e la cultura della città sono quindi legate alla Serenissima. La potenza, infatti, con la costruzione della nuova fortezza voleva lanciare un chiaro messaggio: la costruzione di una nuova città quale argine alle invasioni ottomane. Palmanova poi rimase sotto la Serenissima per più di duecento anni, fino a quando nel 1797, il generale Bonaparte la conquistò. Dopo il trattato di Campoformido, la fortezza entrò nell'impero austriaco, per poi venire inserita nel Regno d'Italia. Durante la Prima Guerra Mondiale, poi, fu sede di ospedali, magazzini e campi di addestramento truppe. Verso la fine della Seconda Guerra Mondiale, qui ebbe sede un centro di repressione antipartigiano, fino ad arrivare al 1960, quando il Presidente della Repubblica decretò Palmanova quale "Monumento Nazionale".

Le porte

La città di Palmanova è sicuramente conosciuta anche per le sue porte. Tra queste, troviamo la Porta Udine, che fu costruita nel 1605. Questa conserva ancora due grandi ruote che servivano per il sollevamento del ponte levatoio. Sulla facciata esterna, invece, si trova il Leone Marciano poggiato sul basamento tra due piccoli obelischi.

Porta Aquileia o Marittima, invece, fu costruita nel 1598. In questa, il grande leone di pietra fu abbattuto dai francesi nel 1797. Ancora oggi, però, sotto il cornicione corre un fregio di stemmi nobiliari che si riferiscono ai primi nobili della fortezza.

Porta Cividale, costruita nello stesso anno di Porta Udine, presenta due torrette di guardia collegate da una balaustra. All'interno della parte superiore, è stato allestito il Museo Storico Militare.

Cosa visitare?

Oltre alle Porte, a Palmanova si possono visitare altre strutture storiche:

  1. il Duomo. Il Duomo Dogale fu costruito nei primi anni del Seicento, e fu terminato prima della metà dello stesso secolo. All'interno, la chiesa presenta tre cappelle del coro, quattro altari laterali, un organo con cantoria e un pulpito sospeso. Di particolare pregio sono la piccola madonna lignea attribuita a Domenico da Tolmezzo e la secentesca Pala delle Milizie di Alessandro Varotari, detto il Padovanino.
  2. Chiesa di San Francesco. La piccola chiesa di forma ottagonale fu costruita nel primo decennio del Seicento. Negli anni passati, vi era annesso un convento dei frati francescani.
  3. Chiesa della Natività della Beata Vergine. Di pianta rettangolare, della piccola chiesa oggi ne rimane solo un quarto. Fu costruita all'inizio del Seicento e sconsacrata dai francesi, che ne fecero un magazzino.
  4. Il Museo Militare. Il museo custodisce raccolte di documentazione sulle fortificazioni, armi e divise dei vari eserciti e guarnigioni che si susseguiranno nel tempo a Palmanova. Inoltre, contiene un archivio di libri, fotografie e documenti originali in materia militare.
  5. Il Civico Museo Storico. Il museo presenta una collezione di armi antiche in deposito conservativo prevenienti da Castel Sant'Angelo di Roma. Ancora, contiene documenti che illustrano la storia della città.
  6. Tanti edifici storici: il palazzo del Provveditore Generale (costruito nel 1598); la Polveriera Napoleonica; la Loggia della Gran Guardia; la Caserma Difensiva Napoleonica di Baluardo; il Santo Monte di Pietà; il Laboratorio delle Polveri; il Quartiere di Sant'Andrea; il Palazzo del Governatore dell'Armi; Quartiere di San Zaune; Palazzo del Ragionato e l'Antica Polveriera Veneta.

Potrebbe interessarti

  • "20 motivi per cui Udine è davvero la città peggiore d'Italia", l'articolo virale sui social

  • Api, vespe e calabroni: come allontanarli con rimedi naturali

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Ristoranti vegani: dove andare in città?

I più letti della settimana

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Sequestrati in provincia di Udine 100 kg di preparato per gelato scaduto

  • La Guardia di Finanza ad Aria di Festa, cucina ferma e centinaia di avventori in protesta

Torna su
UdineToday è in caricamento