L'appello del Consiglio comunale di Udine: "Liberate Patrick George Zaky"

A chiedere che non si ripeta un "caso Regeni" sono stati con una mozione proposta dalla consigliera dem Sara Rosso i rappresentanti del Pd, Innovare e Siamo Udine

Lo studente arrestato, Patrick George Zaky

Evitare il ripetersi di un'altra tragedia come quella avvenuta per lo studente friulano Giulio Regeni. Con questo intento i consiglieri comunali del Pd, Innovare e Siamo Udine hanno sottoscritto una mozione presentata al presidente del Consiglio Comunale cittadino per esprimere massima solidarietà nei confronti di Patrick George Zaky, studente egiziano arrestato al suo rientro dall'Italia al suo paese e per cui in molti si stanno mibilitando per chiedere la sua liberazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così facendo i consiglieri, concordi con il documento steso dalla consigliera Sara Rosso, hanno unito la loro voce "a quanti in queste ore si battono per la liberazione di Patrick, in una lotta di civiltà contro la barbarie della sopraffazione e dell’oppressione, contro tutti quei regimi che intendono affermare la loro forza e sopravvivenza attraverso la repressione dei diritti civili universali, della libertà, affinché il Governo italiano metta in essere tutte le azioni necessarie perché questa vicenda, che ricorda troppo da vicino quella occorsa a Giulio Regeni, non si trasformi in un’altra tragedia come quella".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto all'alba, la terra ha tremato anche in regione

  • Frico, polenta e salame con l'aceto: "Camionisti in trattoria" è passato in Friuli

  • È mancato Cristian De Marco, il fondatore del Piccolo Coro del Fvg

  • Coronavirus, i positivi salgono di più del doppio rispetto a ieri

  • Cenetta tra amici in appartamento, la vicina chiama la Polizia

  • Affetto da Coronavirus, si presenta in farmacia senza mascherina violando la quarantena

Torna su
UdineToday è in caricamento