Tavagnacco, elezioni comunali del 26 maggio

+ Europa appoggia la lista Tavagnacco Futura a sostegno della rielezione del sindaco uscente Gianluca Maiarelli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Venerdì 3 maggio in un incontro pubblico tenutosi presso il ristorante Al Parco di Tavagnacco la lista TAVAGNACCO FUTURA, che si presenta alle prossime elezioni comunali di Tavagnacco a sostegno della rielezione del Sindaco uscente Gianluca Maiarelli, ha annunciato l'appoggio di + Europa alla propria lista. All'incontro erano presenti, assieme al sindaco di Tavagnacco Gianluca Maiareli, Federerica Sabbati, candidata alle prossime elezioni europee per la circoscrizione nord est nelle liste di + Europa, Laura Botti, referente provinciale di +Europa, Alfio Marini capolista di TAVAGNACCO FUTURA e Bruno Scalera di + Europa e candidato di TAVAGNACCO FUTURA. Il capolista Alfio Marini ha presentato la lista civica TAVAGNACCO FUTURA che ha connotati politici, in quanto appoggiata al PD, dai Socialisti e appunto da + Europa, con candidati locali progressisti, ambientalisti ed europeisti che credono nel modello amministrativo che è stato portato avanti negli anni a Tavagnacco, da ultimo dal Sindaco Maiarelli il quale ha ribadito che il tema della campagna elettorale comunale è proprio quello di difendere quel modello di amministrazione che è stato costruito negli anni a Tavagnacco e che ha portato il comune a saper cogliere le opportunità ed ha auspicato il voto a quelle forze politiche e liste civiche che nei territori abbiano l'idea dell'Europa e quindi possano aiutare a far crescere quel modello, a permeare i territori dell'idea di Europa e di comunità aperta che non si chiude in se stessa e non ha paura a raccogliere le sfide. Federica Sabbati ha sottolineato l'importanza di andare a votare alle prossime elezioni Europee per evitare che si torni indietro in quanto l'Europa unita è un processo e come tutti i processi non è irreversibile e quindi dobbiamo scongiurare passi indietro che possano portarci a perdere libertà e diritti acquisiti. Per lei + Europa è una ovvietà in quanto dobbiamo essere uniti a livello europeo perché solo a livello europeo possiamo gestire i grandi temi della società, dalla gestione del cambiamento climatico, alle sfide della trasformazione ecologica-energetica, alle ondate migratorie.

Torna su
UdineToday è in caricamento