Sedi del Pd imbrattate a Udine e Tavagnacco, la condanna di Shaurli

Il capogruppo dei democratici in Consiglio regionale: "I cittadini si aspettano una politica capace di fare scelte, senza cedere a minacce"

Condanna gli imbrattamenti delle sedi di Udine e Tavagnacco del Pd, il capogruppo dei democratici in Consiglio regionale, Cristiano Shaurli. «Commentare gesti di questo genere è dar loro importanza e notorietà che non meritano» dichiara Shaurli, riguardo alle scritte che fanno chiaro riferimento ai provvedimenti emessi nei confronti di 47 attivisti del movimento No Tav contro l’alta velocità in Val di Susa, condannati per gli assalti al cantiere di Chiomonte.

«Ma la mia vicinanza ai tanti iscritti – continua Shaurli – è anche la convinzione che la stragrande maggioranza dei cittadini si aspetta da partiti e politica la capacità difficile di fare delle scelte, certo partecipate e condivise, ma senza cedere a estremismi o minacce – conclude – che arrivano da chi certo non rappresenta i cittadini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

Torna su
UdineToday è in caricamento