Sappadini entusiasti e commossi, ma «bisogna fare presto»

Le reazioni di Alessandro Mauro, coordinatore del comitato per il ritorno di Sappada in Friuli, e del sindaco Manuel Piller Hoffer

«Una vittoria della democrazia e della montagna friulana». Commenta così Alessandro Mauro -  coordinatore del comitato per il ritorno di Sappada in Friuli - l’esito del voto di oggi al Senato. «C’è grande soddisfazione anche per l’esito numerico. Abbiamo aspettato tanto anni - incalza Mauro - e probabilmente sono quelli che servivano per una presa di coscienza del genere da parte della politica. Vedere il nostro caso di specie portato in aula a Palazzo Madama e ottenere questo risultato mi ha regalato un momento di commozione. Tutti hanno capito che si tratta di una cosa grande».

Le tempistiche 

Ora il disegno di legge passa alla Camera, e c’è la speranza che i tempi vengano rispettati per chiudere il discorso prima della fine della legislatura. «Con un voto favorevole del Senato di queste proporzioni, se c’è la volontà politica, è possibile fare presto alla Camera. Non voglio pensare ad altre discussioni».

Il sindaco 

Le scadenze preoccupano anche il sindaco sappadino Manuel Piller Hoffer: «Si tratta di un passo avanti che aspettavamo da tempo. È opportuno chiudere questa cosa a breve, che si vada al voto. Amministrativamente viviamo una situazione di impasse dovendo confrontarci con due regioni, non è facile. I tempi tecnici ci sono, ma non sono così larghi. Bisogna fare presto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiude il Caffè dei Libri. Per i titolari è stato "un incubo crudele"

  • Locale da incubo invaso dai topi e dai loro escrementi

  • Il Malignani rischia la chiusura: scuola, Comune e sindacato uniti per evitarlo

  • Scomparso tra Sappada e Forni Avoltri, trovato il corpo nel letto del Piave

  • AAA Gestore di rifugio montano cercasi

  • Pianista prodigio friulana a 10 anni rappresenterà l'Italia ad Amburgo

Torna su
UdineToday è in caricamento