Franceschini in città e il Comune elenca le sue pretese

Il Ministro parteciperà domattina all'inaugurazione della nuova caserma dei carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale. Nell'occasione l'amministrazione cittadina gli consegnerà un elaborato delle priorità del settore

Dario Franceschini

Agevolazioni per chi fa musica dal vivo, Far East, memoria audiovisiva cittadine, accademia “Nico Pepe” e tutela del monumento alla Resistenza firmato da Gino Valle: sono queste le priorità udinesi in ambito culturale. Domattina l’elenco - sviluppato dall’assessore Pirone di concerto con l’amministrazione - verrà consegnato nelle mani del ministro, in occasione della sua partecipazione all’inaugurazione della nuova caserma dei carabinieri tutela patrimonio culturale. 

L’elenco completo delle richieste:

FAR EAST FILM FESTIVAL. Udine è sede del Far East Film, il più importante festival europeo di cinema popolare asiatico ma anche, dal 2016, in collaborazione con il MIA e il Fondo per l’Audiovisivo del FVG e la Direzione Generale Cinema, di Focus Asia/FEFF Industry, un mercato cinematografico dedito al cinema di genere, principalmente asiatico in rapporto con quello italiano ed europeo. Il Far East Film Festival ha deciso di intraprendere, insieme alla città di Udine e assieme alle più importanti istituzioni cinematografiche italiane -la Direzione Generale Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Luce Cinecitta - un percorso che mira a portare Focus Asia - Feff Industry come il più importante momento di confronto tra le industrie cinematografiche europee ed asiatiche, una vera piattaforma di "business". Si richiede un breve incontro per illustrare e risultati ottenuti con la prima edizione e invitare il Ministro alla prossima edizione del FEFF, evidenziando il ruolo in Asia dell'evento, quale ambasciatore del paese.
 
MEMORIA AUDIOVISIVA. Il Mibact ha conferito all'Istituto Luce-Cinecittà, con il quale il comune di Udine ha sottoscritto recentemente un protocollo di collaborazione triennale, l’incarico di realizzare il MIAC - Museo Italiano dell’Audiovisivo e del Cinema - all’interno del comprensorio di Cinecittà. Il nucleo centrale dell’esposizione permanente sarà costituito da materiali dell’Archivio Storico Luce, di altri archivi audiovisivi e fotografici di rilevanza nazionale e probabilmente delle Teche Rai. La valorizzazione di questo patrimonio non può prescindere dall’essere reso disponibile su tutto il territorio nazionale in una sorta di Museo Diffuso che si arricchisca di archivi locali attraverso un’attività di scouting che monitori i vari territori regionali al fine di dotare ogni città e capoluogo di provincia italiano della documentazione audiovisiva e fotografica della propria storia. Udine è disponibile ad essere uno dei centri in Italia ad avviare questo progetto, insieme alla regione Friuli Venezia Giulia. Su questo indirizzo nazionale si potrebbe innestare una sorta di centro/museo diffuso della Memoria di Udine in collaborazione con l’Istituto Luce Cinecittà, uno spazio espositivo crossmediale e un centro di produzione audiovisiva per la creazione di nuova memoria. Anche rispetto ad un’area geografica che potrebbe inglobare, oltre al Friuli Venezia Giulia, il Veneto e il Trentino Alto-Adige, la città di Udine ambisce a restituire la complessità del contesto geopolitico-culturale dell'area transfrontaliera intensificando le relazioni già esistenti con le istituzioni culturali slovene e austriache al fine di valorizzare le diverse tradizioni storiche e favorire lo scambio di nuove esperienze artistiche e di progetti culturali integrati nella prospettiva di una comune identità europea, a favore delle nuove generazioni. 

ACCADEMIA "NICO PEPE". Attribuzione all'Accademia di Arte Drammatica "Nico Pepe", riconosciuta e finanziata dal Mibact oltre che dal comune di Udine e dalla regione Friuli Venezia Giulia, dell'equipollenza ai corsi universitari/laurea triennale con il relativo titolo di studio, come da decreto firmato dallo stesso Ministro Franceschini insieme alla Ministra Giannini nel dicembre 2015. L'Accademia per la quantità di ore che svolge, per la qualità dei corsi, per il prestigio dei docenti/artisti nazionali ed internazionali che insegnano è, di fatto, una tra le più prestigiose d'Italia con ampie caratteristiche di internazionalità.

MONUMENTO ALLA RESISTENZA. Riconoscimento della qualifica di monumento nazionale al Monumento alla Resistenza di Piazzale 26 luglio, ideato dagli architetti Gino Valle e Federico Marcon,i con l’intervento artistico di Dino Basaldella.

LOCALI MUSICALI. Sostegno alla musica dal vivo e semplificazione normativa. Richiesta la semplificazione delle procedure per agibilità ai sensi dell'articolo 80 del Tulps per le iniziative con meno di 200 persone presenti (autocertificazione asseverata da tecnico abilitato senza necessità di convocazione Commissione Comunale Locali Pubblico Spettacolo). Andrebbe inoltre previsto l’obbligo di "licenza" per pubblico spettacolo ai sensi dell'art 68 Tulps solo per attività rivolte ad un pubblico di più di 200 persone e andrebbero previste ulteriori agevolazioni/esenzioni Siae per le attività istituzionali degli Enti Locali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali patenti servono per guidare le macchine agricole?

  • Tira un pugno in faccia ad una donna incinta e fugge, sconcertante episodio a Friuli Doc

  • I migliori ristoranti dove mangiare pesce a Udine secondo TripAdvisor

  • Violento schianto in A34, muore bimba di quattro mesi

  • Danni alla "Tod's" dei Della Valle, processo in tribunale a Udine

  • Alla guida con un tasso d'alcol di 5 volte superiore al limite dopo un'allegra domenica a Friuli Doc, fermato

Torna su
UdineToday è in caricamento