Nue 112, è ancora "agosto di fuoco" tra Riccardi e Panontin

Per il capogruppo forzista «il limite è stato definitivamente superato». «Attacchi strumentali» e basta secondo l'assessore

Paolo Panontin e Riccardo Riccardi

Prosegue la “guerra d’agosto” tra l’assessore regionale Paolo Panontin e Riccardo Riccardi, capogruppo forzista al Consiglio di piazza Oberdan. Dopo gli screzi di dieci giorni fa è di nuovo tempo di polemica, questa volta legata al funzionamento del Nue 112.

Riccardi

«È inutile continuare a dire che il sistema del Nue 112 è presente in Lombardia ed è imposto da procedure comunitarie - incalza il politico del centrodestra -. La differenza è che dalle altre parti funziona e da noi no. Il limite a questo punto è stato definitivamente superato. Dopo la gravissima disorganizzazione nella gestione delle emergenze di questi giorni, arrivano, ad offendere l'intelligenza degli abitanti di questa regione». «Questa giunta - prosegue Riccardi - conferma per l'ennesima volta la propria assoluta incapacità di governo e l'arroganza con cui da sempre si rapporta alle esigenze e alle legittime richieste della cittadinanza. Politicamente questi 5 anni rappresentano il punto più basso per la  regione sia dal punto di vista del merito delle politiche messe in atto che del metodo odioso per tutti i cittadini che è stato adottato. Caro Panontin - chiude Riccardi -, se non siete capaci di gestire un'emergenza che era stata abbondantemente annunciata la colpa è solo vostra. Ammettetelo e andatevene a casa».

Panontin

«Le parole di Riccardi confermano la strumentalità dei suoi attacchi. Da un politico che può vantare un'esperienza specifica alle spalle ci saremmo aspettati qualche proposta per migliorare il servizio, non la banale ripetizione di accuse generiche - si difende il componente della giunta Serracchiani -». «Fare opposizione significa contribuire, da una posizione diversa, al bene della comunità. Attendiamo - ha aggiunto Panontin - che Riccardi dimostri questa attitudine, finora assai poco praticata, della critica costruttiva». «Per costruire la propria campagna elettorale Riccardi ha un disperato bisogno di polemizzare. Purtroppo è una polemica che demolisce il lavoro di tante persone che - ha concluso - operano per il bene della comunità».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Critiche costruttive perché non ammette le azioni distruttive della sua giunta. Non è il solo a criticare la giunta, sindaci, vigili, assessori, il nue o NIE doveva aspettare niente appalti alla Insiel. Fare le cose tanto per fare è un triplo danno, fare-disfare-rifare. Come le Uti. Se il Pd si è dimostrato sia localmente che al governo incapace, bisogna lasciarlo e fargli pagare i danni. Per quanto Riccardi sia sciapo, l'ovvio ha ragione.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Si presenta ubriaco e insulta tutti alla riunione degli alcolisti anonimi

  • Cronaca

    Scassinano le macchinette del ticket dell'ospedale

  • Cronaca

    Ingresso proibito all'asilo perché senza vaccini, arrivano i carabinieri

  • Cronaca

    Ritrovano due statue rubate a 40 anni dal furto, all'appello ne mancano altre 20

I più letti della settimana

  • Picchia la nipote minorenne e va a letto con la madre

  • Degrado e prostituzione, chiuso un centro massaggi nell'Alto Friuli

  • Apre a Udine il tempio dei cocktail dove il vino è bandito

  • Truffa del bancomat in azione, rubati oltre 3mila euro da un conto

  • Auto finisce fuori strada e si ribalta nella vigna

  • Arriva in regione Chef Rubio e lo sfottò sui friulani è assicurato

Torna su
UdineToday è in caricamento