Rimpasto di Giunta, Salmè: «Fontanini piccolo Badoglio, tradito il patto elettorale»

Dopo la revoca delle deleghe alla compagna di vita Daniela Perissutti l'esponente di estrema destra si sfoga contro il primo cittadino

Stefano Salmè e Pietro Fontanini ai tempi del loro accordo

Il primo cittadino, come annunciato, revoca le deleghe alla compagna e Stefano Salmè non ci sta. «Il sindaco Fontanini ha preso la sua decisione irrevocabile – attacca Salmè –. Alle ore 12.30 di stamattina, la nostra rappresentante nella giunta di Udine, l’assessore Daniela Perissutti, ha ricevuto (mentre era al lavoro nel suo ufficio in Comune, tramite il messo comunale) la revoca delle sue deleghe. La lunga carriera del sindaco Fontanini viene macchiata dall’onta del tradimento. Il 4 maggio del 2018, nella sede del nostro movimento, davanti a decine di candidati delle due liste che mi sostenevano come candidato sindaco di Udine, Pietro Fontanini contrasse con noi un patto elettorale che gli permise di diventare sindaco di Udine. La coalizione di liste che mi sostenne al primo turno elettorale, totalizzò 1.208 voti. Il 13 maggio al turno di ballottaggio la coalizione che sosteneva Pietro Fontanini vinse con un margine di soli 280 voti. Oggi, dopo essere stati determinanti per la sua, per la loro vittoria, veniamo vigliaccamente “scaricati”. Il sindaco ha tradito la parola data ai nostri elettori, che avevano avuto garanzia dal sindaco di essere “rappresentati” nella futura giunta (il video dell’incontro lo prova). Il sindaco ha tradito lo spirito stesso della logica dell’”elezione diretta del sindaco”, per cui il sindaco risponde agli elettori che lo hanno direttamente eletto e non ai partiti come accadeva nella prima repubblica. Come un piccolo Badoglio qualsiasi – prosegue Salmè –, prima vince con i voti della destra udinese (seppur civica), poi tratta per mesi un rimpasto, mentre contestualmente continua a rassicurarci sulla sua lealtà al patto elettorale (per non farci agitare), per poi infine annunciare sulla stampa il suo tradimento (la vergogna era tanta e si è ben guardato dal dircelo in faccia). Questo metodo di far politica avrà anche permesso a Fontanini di navigare nella politica per 35 anni, ma ha sicuramente nauseato i cittadini».

«Noi non tradiamo»

«L’uomo solo al comando – incalza Salmè – è oggi semplicemente solo, accerchiato, in una città che lo percepisce come un corpo estraneo alla sua cultura, alla sua tradizione politica, dove il comando è affidato a pochi consiglieri comunali che sono riusciti con il ricatto politico ad ottenere le chiavi dell’amministrazione. La maggioranza consiliare ritrovata grazie al tradimento, si abbarbica nel “Palazzo”, per la paura di doversi confrontare con i cittadini. Nell’ultima riunione farsa (quella dove il sindaco friulanista ha sentito il bisogno di chiamare a protezione i vertici triestini), il sindaco, in risposta alle contestazioni, gesticolava nervosamente parlando delle “riviste americane” che magnificano la “sua Udine”. Chiuso nel bunker con i suoi “generali”, il sindaco ha perso completamente il senso della realtà della nostra città. Non era questo il risultato che gli udinesi di centrodestra speravano dopo la vittoria così a lungo agognata. Il sindaco faccia un gesto di dignità politica e personale e si dimetta, restituendo la parola ai cittadini udinesi. Noi, a differenza del sindaco, rimaniamo coerenti. Siamo pronti a partecipare alla costruzione di una nuova coalizione vincente in grado di garantire quella “rivoluzione” che in campagna elettorale avevamo promesso. Facciamolo ora, quando il vento sovranista è ancora forte, piuttosto che ritardare e condannarci così a sconfitta certa. Nell’attesa di costruire nei prossimi mesi, le premesse di una nuova coalizione di centrodestra vincente, il giudizio che noi daremo sugli atti dell’amministrazione Fontanini, sarà scevro da livore personale e indirizzato unicamente verso il bene comune della cittadinanza. Noi – chiude Salmè –, a differenza di Fontanini, non tradiamo».

Martines: «L’estrema destra di Salmè infinocchiata da Fontanini»

«Voi capite che io, personalmente, avrei parecchie cose da dire sul rimpasto di giunta a Udine e alcune le ho già dette, ma Salmè, dico Salmè, a capo di una destra estrema infinocchiata da Fontanini, si esprime con argomentazioni che val la pena di leggere». A parlare è Vincenzo Martines del Pd, con un post sul suo profilo Facebook. «Fontanini – prosegue Martines – nel suo discorso solenne di insediamento, aveva come primo punto ringraziato Salmè, per riconoscergli il ruolo nel risicato successo elettorale. Mi pare che dopo un anno e mezzo di  giunta Fontanini si possa cominciare a dire che, alla fine, questo sarà stato il peggior sindaco della storia repubblicana di Udine. Lo dimostreremo, anche se il prezzo da pagare per la credibilità e funzionalità della città, sarà alto. Intanto continua lo sbriciolamento della maggioranza, messa su senza un progetto, che non fosse farsi trasportare dal vento sovranista, come lo stesso Salmè ammette».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento