Consiglio Regionale: la Camera ha approvato la riduzione dei componenti

Nonostante i dubbi, legati al raggiungimento della maggioranza necessaria, Montecitorio ha approvato la modifica dello Statuto regionale, consentendo la riduzione dei componenti dell'organi legislativo

Con 359 si la Camera dei Deputati ha approvato in maniera definitiva la riduzione dei Consiglieri regionali in Friuli Venezia Giulia.

LA REAZIONE DI RENZO TONDO

"Un risultato importante non solo per le istituzioni regionali, ma anche per tutti i cittadini del Friuli Venezia Giulia''. Così il presidente della Regione, Renzo Tondo, ha accolto la notizia della definitiva approvazione della legge costituzionale sulla riduzione dei Consiglieri regionali, avvenuta ieri alla Camera dei Deputati, secondo quanto riportato dall'ANSA. ''La nuova legge - ricorda il presidente - permetterà di diminuire il numero degli eletti in Consiglio regionale dagli attuali 59 a 48 e comporterà un risparmio che può essere quantificato in circa 10 milioni di euro nella prossima legislatura. Si evita così - ha proseguito - che alle elezioni regionali di primavera si vada a votare addirittura per uno o due consiglieri in più, come conseguenza dell'ultimo censimento ufficiale Istat sulla popolazione, e non per una decina in meno come definito nella legge approvata dal Consiglio regionale'' del Fvg.

Si realizza così, secondo il presidente della Regione, ''un altro degli obiettivi principali dell'attuale legislatura regionale''. Tondo ha ricordato di ''non aver mai smesso di credere e di lavorare per raggiungere questo traguardo, anche quando molti polemicamente ritenevano non fosse più raggiungibile, dopo la crisi politica del Governo Monti e la conseguente chiusura anticipata della legislatura nazionale''.

Tondo ha poi nuovamente ringraziato il presidente della Camera, Gianfranco Fini, per ''aver voluto mettere in calendario la legge costituzionale, i capigruppo, l'onorevole Angelo Compagnon per il suo ruolo propulsivo, i parlamentari del Friuli Venezia Giulia e i deputati presenti oggi a Montecitorio''. Secondo Tondo, l'approvazione definitiva della legge costituzionale va vista come ''un riconoscimento, da parte del Parlamento, alla Regione Friuli Venezia Giulia, che ha dimostrato di essere in grado di attuare rilevanti riforme istituzionali, confermando la sua capacità di esercitare l'Autonomia Speciale in modo responsabile''.

IL COMMENTO DI DEBORA SERRACCHIANI

L'ANSA ha registrato l'opinione anche della candidata alla presidenza della Regione e sfidante di Tondo  Debora Serracchiani: ''l'approvazione definitiva della legge costituzionale sulla riduzione dei consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia è un grande risultato, frutto di un impegno collettivo cui il PD ha dato un contributo decisivo. L'approvazione della norma è la dimostrazione di come sia possibile rendere effettivi quei tagli ai costi della politica da tempo promossi dal Partito democratico. E' infatti doveroso ricordare che e' stato il Pd a presentare per primo in Consiglio regionale una proposta di legge per ridurre gli eletti il 20 ottobre 2010. Il percorso dei tagli ai costi della politica - aggiunge Serracchiani - non si può però fermare alla riduzione dei consiglieri regionali, ma richiede ulteriori provvedimenti in tema di sobrietà e trasparenza.''

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro rimedi naturali per allontanare le cimici da casa

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

Torna su
UdineToday è in caricamento