Il Pdl ha ricordato le vittime delle foibe e dell'esodo istriano

Il gesto ha voluto onorare la memoria di coloro che furono costretti ad abbandonare averi e affetti nei territori che un tempo erano sotto la sovranità italiana

Ieri il Pdl di Udine ha ricordato le vittime delle foibe e tutti gli esuli istriani, fiumani e dalmati. Nelle parole il sentimento di commiserazione verso un fatto taciuto per troppo tempo e ancora molto strumentalizzato.

La Giornata del Ricordo rappresenta per noi un grande segno di vicinanza nei confronti di chi ha sofferto, un vero e proprio genocidio di italiani innocenti, una tragedia troppo a lungo tenuta sotto silenzio, una pagina della nostra storia per troppo tempo è stata dimenticata.

Per qualche decennio in molti hanno tenuto gli occhi chiusi pensando di poter lasciare nell'oblio quelle ferite che avevano profondamente segnato la vita di centinaia di migliaia di nostri connazionali uccisi barbaramente in una vera e sistematica pulizia etnica nei territori di Istria, Dalmazia e in Friuli Venezia Giulia a partire dall’8 settembre 1943 con oltre 20mila infoibati, torturati, seviziati e lasciati morire.

Un gesto simbolico per illuminare la memoria che possa divenire sempre più condivisa e per non dimenticare anche i 350mila italiani costretti all’esilio, cacciati dalla propria terra dalla furia slavo-comunista dei partigiani titini, solo perché erano italiani.

Un richiamo all'esortazione a costruire un futuro fondato sui principi di libertà e democrazia, il ricordo sarebbe sterile se non generasse in noi la ferma volontà di realizzare quel sogno di un mondo migliore che è stato il seme della nuova Europa dei popoli: un ideale che nel secondo dopoguerra ha dato prospettiva e speranza alla ricostruzione dell'Italia e del vecchio continente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La speranza è nelle nostre mani, e nelle generazioni future chiamate a onorare chi è stato schiacciato dalle tragedie del passato, impegnandoci ad agire per una società più giusta, affinché non si ripetano più gli atroci orrori del passato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 15 luoghi da non perdere in Friuli Venezia Giulia

  • Spiagge d'acqua dolce in Friuli: ecco dove fare il bagno

  • Cinque camminate facili a Udine e dintorni, alla ricerca del fresco

  • Friuli circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Coronavirus, aumentano anche in Fvg i positivi e nuovi contagi

  • Aumentano i contagi in Croazia: Lubiana pensa a toglierla dall'elenco dei paesi "sicuri"

Torna su
UdineToday è in caricamento