Addio a Giorgio Ellero, una vita per la politica: il saluto a Moruzzo

E' scomparso a causa di un infarto. Fu uno dei fondatori del movimento 'La Rete' con Leoluca Orlando. I funerali nel pomeriggio a Santa Margherita del Gruagno

Giorgio Ellero

Il Friuli saluta Giorgio Ellero. Attivista politico e co-fondatore del movimento La Rete insieme al sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Ellero è scomparso ieri, venerdì 26 giugno, a Udine a causa di un attacco cardiaco.

Appassionato di politica, è stato segretario della DC della sezione di Moruzzo. Poi l'amicizia con Leoluca Orlando, sindaco di Palermo, portato più volte sul comune collinare friulano: con lui Ellero contribuisce alla nascita del movimento politico 'La Rete', per poi ritagliarsi un ruolo da protagonista nell'Italia dei Valori di Antonio Di Pietro. E proprio l'Idv regionale ha deciso di salutare Ellero in questo modo:

"Giorgio Ellero è stato un grande uomo di partito, un instancabile lavoratore e un vero esempio per tutti noi: la sua scomparsa ci addolora moltissimo”. È quanto si legge in una nota diramata dall’IdV, nella quale “dirigenti, iscritti e amici di Italia dei Valori Friuli Venezia Giulia esprimono alla moglie e ai familiari di Giorgio la più affettuosa vicinanza e il più sentito cordoglio per questa grave perdita".

Dipendente delle poste e poi assicuratore, viveva a Moruzzo ed era una persona benvoluta da tutti. I funerali si terranno questo pomeriggio a Santa Margherita del Gruagno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Piano cottura a induzione: come funziona e quali sono i vantaggi?

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

Torna su
UdineToday è in caricamento