Honsell: Contro-riforma della Sanità fumosa e comitato dei saggi incompleto

Il commento del consigliere regionale di Open - sinistra Fvg in merito alla relazione degli esperti ascoltata questa mattina all'Ospedale Civile S. Maria della Misericordia di Udine

Qui di seguito le riflessioni del consigliere regionale Furio Honsell, presente questa mattina agli stati generali della Sanità convocati a Udine per illustrare i nuovi modelli di governance elaborati dal tavolo dei saggi.

Alla seconda uscita della presentazione ufficiale del "Documento dei Saggi" sulla contro-riforma della Sanità regionale di Riccardi, il progetto invece di chiarirsi è risultato più fumoso.
Positivo certamente il coinvolgimento di esponenti prestigiosi del mondo della sanità regionale in qualità di esperti, purtroppo, dal confronto con i portatori di interesse della mondo sanitario sono emersi due aspetti che rendono l'embrione della controriforma ancora fragile. Il primo è l'assoluta mancanza di dati e quindi a maggior ragione di simulazioni quantitative sui modelli proposti. Nella campagna elettorale di Open Sinistra FVG avevamo sottolineato come fosse preliminare a qualsiasi contro-riforma l'istituzione di un osservatorio per valutare anche quantitativamente gli effetti positivi e/o le distorsioni della riforma. Ci si ritrova invece ancora una volta a dover ascoltare idee progettuali, ancorché esposte da protagonisti del mondo della sanità, tutto sommato personali, impressionistiche.

Prova ne è il fatto che vengano delineati due modelli che sono abbastanza antitetici. E qui emerge anche la seconda criticità, ovvero la composizione del comitato di esperti/saggi. Mancano tra i saggi i rappresentanti di tanti settori importantissimi, dai rappresentanti delle varie categorie di professionisti ai rappresentanti delle associazioni scientifiche e mediche. E' dunque  inevitabile che le proposte siano pregiudizievoli.

Il rischio più grave che corre la regione è di vedere azzerato quell'aspetto della riforma che invece in tutta Europa viene visto come il futuro ovvero l'integrazione tra strutture ospedaliere per acuzie ed emergenze e il territorio. Quello che mi sembra mancare è quindi la direzione politica della contro-riforma, che non può ridursi a una mera cancellazione del vigente assetto e su questo tema noi siamo disponibili a collaborare nella convinzione che l'assetto della Sanità sia un tema troppo importante per essere oggetto di polemica spicciola tra le forze politiche. Speriamo che nell'attesa della controriforma, i cui tempi di gestazione sembrano lunghi, vada avanti almeno la riforma!

Riforma sanitaria, Fedriga: "Salute non ha colore politico, puntiamo a efficienza" 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quali patenti servono per guidare le macchine agricole?

  • La terra trema in Carnia, epicentro a Tolmezzo

  • Segnalata un'auto ferma a bordo strada, ritrovato un cadavere al suo interno

  • Danni alla "Tod's" dei Della Valle, processo in tribunale a Udine

  • Terribile incidente tra due auto e una moto sulla "Osovana", una donna in gravi condizioni

  • Matrimonio salviniano a Remanzacco, festa con la bandiera della Lega

Torna su
UdineToday è in caricamento