Salvini: «Non vedo l'ora di governare. Prima gli italiani!»

Il leader della Lega in città per l'inaugurazione della sede elettorale di Fontanini. Il messaggio a Di Maio è chiaro: «Se nessuno fa un passo indietro l'unica via è quella del voto»

Matteo Salvini

«Prima gli italiani e poi il resto del mondo». Lo slogan non è di certo una novità, ma Matteo Salvini lo ripete in maniera scientifica all'inaugurazione della sede elettorale di Pietro Fontanini, arringando la folla che si è presentata all'angolo tra viale delle Ferriere e via Grazzano, punto strategico di una parte di città che ha animato le cronache locali negli ultimi anni.

Amministrative

«Il 29 aprile avete la possibilità di scegliere la libertà - incalza Salvini riferendosi all'appuntamento in città e Regione -. Non basta avere un governo che difenda i vostri interessi, occorrono anche sindaci a livello locale che mettano in pratica quanto predicato a livello centrale». «A Udine - attacca Salvini - c'è bisogno di un sindaco che metta a disposizione le caserme per chi tutela l'ordine pubblico, e non ne faccia alberghi per clandestini che vanno in giro a far casino. In Regione corre Fedriga, che ha rinunciato a un incarico a Roma per scegliere la sua terra. È un vero uomo della Lega, e farà in modo che gli ospedali aprano e non che chiudano, come hanno fatto Serracchiani e Bolzonello».

«Non vedo l'ora di governare»

Il riferimento all'incarico romano che sarebbe spettato all'ex capogruppo del Carroccio alla Camera è legato a un ruolo di governo, che Salvini è convinto di poter ricoprire, con priorità chiare: «Non vedo l’ora di tornare al governo per controllare i confini e far entrare chi merita. Avete visto come hanno votato gli ungheresi ieri? Orban difende il suo popolo ed è stato premiato, nonostante le previsioni dei giornali che lo dipingono come un populista e nazionalista. Dobbiamo guardare a lui e agli altri popoli europei che si difendono. Prima di venire qui sono stato a Redipuglia a portare un mazzo di fiori. Un tempo chi proteggeva i confini era un eroe, ora viene visto come un razzista».

La speranza

«Non vedo l'ora di tornare a Udine da presidente del Consiglio» chiude Salvini, lanciando una frecciata al possibile alleato Di Maio prima di escludere «qualsiasi accordo col Pd». «Io ci provo a dialogare sui temi che per noi rappresentano le priorità come per esempio lavoro, giustizia, sicurezza e agricoltura. Dovessimo andare al governo mi impegno a cancellare subito la legge "Fornero", per restituire vita, lavoro e pensione a milioni di italiani. Ora tocca a Di Maio dire la sua. Sui presidenti di Camera e Senato noi abbiamo fatto dei passi indietro. Se non li fanno anche gli altri l'unica soluzione è tornare al voto».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Fa entrare i clienti dal retro nonostante le restrizioni, interviene la Polizia

Torna su
UdineToday è in caricamento