«La proprietà immobiliare deve avere una funzione sociale, per questo vogliamo meno case vuote a Udine»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

«Succede durante la campagna elettorale che qualcuno mi chieda quale io consideri uno dei problemi maggiori della nostra città - dichiara Antonio Sortino candidato al Consiglio comunale con SinistrAperta -, allora io normalmente rispondo: "le case vuote". A Udine ci sono immobili inutilizzati di tutti i tipi: pubblici e privati; in centro e in periferia; infine, vuoti davvero o ceduti in affitto in nero. Eppure la Costituzione Italiana, con l'art. 42, è chiara: la proprietà immobiliare deve avere una funzione sociale. Se invece gli immobili restano inutilizzati, evidentemente, non servono a nessuno. La nuova Amministrazione comunale dovrà operare da un lato per restituire alla cittadinanza gli immobili di proprietà pubblica inutilizzati e abbandonati; dall'altro lato dovrà individuare e mettere in atto strumenti, anche di tipo economico, per disincentivare la presenza di immobili privati sfitti. Un'azione efficace in tal senso aumenterebbe l'offerta di case in affitto, calmierando, di conseguenza, il costo degli affitti».

I più letti
Torna su
UdineToday è in caricamento