Fontanini, «solo 5% dei migranti sono dei rifugiati»

L'analisi del sindaco in base ai dati messi a disposizione dalla Commissione Territoriale

Il sindaco Pietro Fontanini

«Per quanto non stupiscano, data la natura economica della maggioranza dei migranti, i numeri relativi alle domande per il riconoscimento della protezione internazionale che ho ricevuto dalla Commissione Territoriale della sezione di Udine fanno decisamente riflettere». Lo dichiara il sindaco di Udine Pietro Fontanini commentando i dati della Commissione Territoriale, aggiornati al 2 gennaio 2019. 

I rifugiati

«In poco più di un anno sono stati trattati 1467 fascicoli — prosegue il primo cittadino —, dei quali 1163 riguardanti migranti provenienti dal Pakistan; del totale delle domande, il 45,5 per cento ha avuto come esito il diniego mentre il 24,8 per cento dei richiedenti sono risultati alla fine irreperibili perché si sono allontanati da Udine allo scopo di far riparte da zero la procedura in altre città. Considerando poi che lo status di rifugiato è stato concesso solo al 5,3 per cento di coloro che hanno presentato la richiesta, ne deriva che la quasi totalità di coloro che sono arrivati da noi non era vittima di violazioni dei diritti umani».

Il lavoro

«I dati forniti dalla Commissione per il riconoscimento dello status di rifugiato politico — precisa il sindaco — confermano infatti che la stragrande maggioranza dei richiedenti non fuggono da situazioni di pericolo per la loro incolumità. Siamo di fronte a persone che chiedono un lavoro, offrendo però solo le proprie braccia; molti dei richiedenti sono infatti analfabeti e quasi nessuno è in possesso di una minima qualifica lavorativa per essere inserito nel mondo del lavoro».

«Solo i perseguitati»

«Questa realtà di più di 1300 persone che chiedono un’occupazione solo nella città di Udine configge con una crisi economica che sta ancora penalizzando i nostri cittadini che hanno difficoltà a trovare un lavoro. Bisogna attuare una politica che accolga solo coloro che fuggono da persecuzioni; non è possibile accollarsi ancora gli oneri per mantenere migranti economici dal momento che la povertà colpisce ancora duramente i nostri cittadini», conclude Fontanini.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • in pakistan non c'è alcuna guerra in atto

  • caro Michele i minori non accompagnati (e molti non sono nemmeno minori)che sono nelle strutture a Udine non vengono da zone di guerra e francamente non so perché sono in Italia....ora ricordo,sono in Italia per vivere alle spalle degli italiani e per delinquere,le cronache locali non menzionano quasi mai l malefatte di questi delinquenti in quanto deleterio per le strutture stesse.Allontanamento del minore ,quindi meno soldi e un cattivo nome della struttura.

  • Quanta ignoranza avete!!!Parlate tanto per parlare!!!... Non avete neanche idea (beh del resto nemmeno Fontanini ce l’ha...) di quale sia la percentuale dei MINORI NON ACCOMPAGNATI GIUNTI A UDINE negli ultimi 3 anni!!! Informatevi...ma tanto voi siete prevenuti...ancora con ‘sti catto-comunisti!!! Siete dei poveretti, dei limitati intellettualmente...meglio chiuderla qua. Mandi

    • chiudi pure che non da,fastidio a nessuno.. comunque i minori sono dei semplici ostaggi per incenerire i cuori deboli

  • Gli altri alimentano i circuiti di distribuzione della droga e della prostituzione cittadina.

    • E qualche punto del PIL (guarda caso da qualche anno sono stati introdotti nel calcolo)

  • Gli altri alimentano chi guadagna sulla accoglienza.

  • io credo anche meno .. molto ma molti di meno ..dalle zone di guerra è dura scappare ..che sono comodi ostaggi per avere i soldi dagli utili idioti.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Apre a Udine il tempio dei cocktail dove il vino è bandito

  • Cronaca

    Tutte contro Fedriga, le donne si schierano in vista del congresso sulla famiglia

  • Cronaca

    Truffa del bancomat in azione, rubati oltre 3mila euro da un conto

  • Cronaca

    Il liceo "Copernico" ha la sua associazione di ex alunni

I più letti della settimana

  • Picchia la nipote minorenne e va a letto con la madre

  • Degrado e prostituzione, chiuso un centro massaggi nell'Alto Friuli

  • Apre a Udine il tempio dei cocktail dove il vino è bandito

  • "Camionisti in trattoria" annuncia il Friuli e va in onda il Veneto: è polemica

  • Incidente mortale di Porpetto, la vittima è un 25enne maranese

  • Auto finisce fuori strada e si ribalta nella vigna

Torna su
UdineToday è in caricamento