Ex "Piave" occupata, il Comune chiederà i danni: "Abbiamo il dovere di manifestare indignazione"

Il sindaco Fontanini ha annunciato l'azione civile nei confronti degli otto stranieri accusati per invasione di edifici

L'ex caserma "Piave" di via Lumignacco

Otto stranieri, denunciati per invasione di edifici, saranno anche chiamati a rispondere dei danni cagionati alla struttura. Il Comune ha infatti deciso di costituirsi parte civile nel giudizio che vedrà come imputati i soggetti. Lo ha annunciato il sindaco Pietro Fontanini, precisando subito che più che un gesto per ottenere davvero qualcosa si tratta di "un dovere di manifestare la propria indignazione". Difficile infatti che, a patto che l'autorità giudiziaria decida che debbano versare una cifra a titolo di risarcimento, dei nullatenenti o presunti tali possano essere solventi. Tanto è vero che il primo cittadino non ha nemmeno quantificato l'ipotetico danno subito. "Abbiamo il dovere di manifestare indignazione" ha chiosato il primo cittadino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

Torna su
UdineToday è in caricamento