Ex "Piave" occupata, il Comune chiederà i danni: "Abbiamo il dovere di manifestare indignazione"

Il sindaco Fontanini ha annunciato l'azione civile nei confronti degli otto stranieri accusati per invasione di edifici

L'ex caserma "Piave" di via Lumignacco

Otto stranieri, denunciati per invasione di edifici, saranno anche chiamati a rispondere dei danni cagionati alla struttura. Il Comune ha infatti deciso di costituirsi parte civile nel giudizio che vedrà come imputati i soggetti. Lo ha annunciato il sindaco Pietro Fontanini, precisando subito che più che un gesto per ottenere davvero qualcosa si tratta di "un dovere di manifestare la propria indignazione". Difficile infatti che, a patto che l'autorità giudiziaria decida che debbano versare una cifra a titolo di risarcimento, dei nullatenenti o presunti tali possano essere solventi. Tanto è vero che il primo cittadino non ha nemmeno quantificato l'ipotetico danno subito. "Abbiamo il dovere di manifestare indignazione" ha chiosato il primo cittadino. 

Potrebbe interessarti

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Cantinetta del vino in casa, quale scegliere

  • Viaggio in auto: come combattere il caldo

I più letti della settimana

  • Lignano, chiamano il taxi ma arriva qualcun altro

  • Ritrovata Lorena in uno stavolo di montagna: è viva ma semi incosciente

  • Si distendono a terra aspettando le auto mentre l'amica li filma, ragazzini rischiano l'investimento

  • Giornata no per i locali lignanesi, chiusi il Mr. Charlie e La Pagoda di Pineta

  • Va dal medico perché in sovrappeso, scopre di essere incinta al settimo mese

  • Ruba un'auto, sperona i carabinieri e poi cerca di rubargli la pistola, arrestato

Torna su
UdineToday è in caricamento