Serracchiani fa gli auguri agli studenti, Pittoni non gradisce

Le contestazioni del presidente regionale del Carroccio alle valutazioni della numero uno della Regione

Mario Pittoni

«Agli studenti e alle studentesse auguro che questo primo giorno di scuola del nuovo anno sia intenso e emozionante: siate entusiasti di fare parte della quotidiana avventura dell'educazione e della formazione, con l'aiuto dei vostri docenti diventatene protagonisti e sarete così un giorno cittadini sovrani. Cultura e istruzione sono un bene e un diritto primario e sono presupposto del progresso: a voi genitori l'invito a trovare tempo e energia per collaborare con la scuola, cosicchè i vostri figli si potranno sentire a pieno titolo coinvolti nella progettualità della loro crescita. Per quanto è nelle possibilità e nelle competenze dell'amministrazione regionale riconfermo l'impegno a destinare risorse finanziarie per il diritto allo studio, per l'edilizia scolastica, per favorire la qualità dell'insegnamento e l'integrazione con il sistema formativo e del lavoro».

L’augurio e le valutazioni sono di Debora Serracchiani, presidente della Regione, e oltre agli scolari le esternazioni hanno colpito anche Mario Pittoni, responsabile federale della Lega Nord per la scuola. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Sarebbe utile -ha commentato l’esponente del Carroccio - che alle parole della presidente sull’impegno della Regione per una scuola “senza docenti precari e dirigenti in reggenza”, seguissero fatti che non vanno nella direzione opposta. Finora di concreto abbiamo visto solo il declassamento dell’Ufficio scolastico regionale. La nostra Specialità – spiega Pittoni - si basa principalmente sulle peculiarità che ci sono riconosciute a livello costituzionale in relazione alla presenza di ben tre lingue minoritarie. Vi sono quindi i presupposti per chiedere l’inserimento nel decreto sulla spending review (n. 95 del 2012) della tradizionale clausola di salvaguardia per le regioni autonome. In alternativa il ministero dell’Istruzione potrebbe offrire a quello delle Finanze la rinuncia a due dirigenti di seconda fascia in cambio di un dirigente di primo livello da assegnare al Fvg. L’operazione è infatti a costo zero. Rispettosa cioè dell'obiettivo di risparmio economico previsto dalla spending review. Ne avevo a suo tempo parlato con l’allora ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, ma – conclude Pittoni – è mancato l’interessamento della Regione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croazia apre anche ai turisti italiani: chiarita la posizione del Paese

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Un grande bar all'aperto: ecco la nuova Piazza San Giacomo a Udine

  • Apre un nuovo locale: la focacceria Mamm si amplia e inaugura un forno bistrot

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Coronavirus: quattro contagi in più a Udine, dodici in tutta la regione

Torna su
UdineToday è in caricamento