Mezzi pesanti e in panne paralizzano l'autostrada A4

Questa mattina la circolazione ha infatti subito forti rallentamenti con code che hanno raggiunto il picco di 14 chilometri nel tratto fra il bivio A4/A23

Martedì si conferma il giorno più critico per la viabilità sull’autostrada A4 – interessata dai cantieri della terza corsia - a causa della ripartenza dei mezzi pesanti provenienti dall’Est Europa.

Code

Questa mattina la circolazione ha infatti subito forti rallentamenti con code che hanno raggiunto il picco di 14 chilometri nel tratto fra il bivio A4/A23 (nodo di Palmanova) e Latisana, verso Venezia. Attualmente, nella stessa direzione, ci sono code a tratti fra Villesse e San Giorgio di Nogaro e tre chilometri di coda fra Udine Sud e il bivio A4/A23. I primi incolonnamenti si sono verificati fin dal mattino presto, interessando il tratto compreso fra Cessalto e San Donà di Piave verso Venezia: a congestionare ulteriormente il traffico ha contribuito un mezzo in panne che ha causato rallentamenti fra Portogruaro e San Donà di Piave, sempre in direzione Venezia.

Traffico intenso

Sulla rete di Autovie prosegue l’incremento dei transiti di mezzi pesanti. Nel 2018 il traffico pesante è aumentato infatti del 2,98 % in più: sono stati 13 milioni 052 mila 704 i camion che hanno percorso l’autostrada nel 2018. Gli incolonnamenti dei mezzi pesanti si verificano sempre nel tratto Palmanova – Portogruaro, dove sono attivi i cantieri della terza corsia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Minorenne al volante per un giro con sette amici si schianta e muore a 15 anni

  • Chi era Daniele Burelli: aveva una passione profonda per le auto e i motori

  • Incidente all'alba, muore una mamma mentre accompagna la figlia a scuola

  • Taylor Mega ubriaca in diretta tv: "sono friulana, l'alcol dovrei reggerlo"

  • "Non fate il suo stesso errore", così la famiglia Burelli ricorda il ragazzo e lancia un appello

  • Incidente mortale in piazzale D'Annunzio, perde la vita una donna

Torna su
UdineToday è in caricamento