Il sindaco Fontanini si "allea" con il Comitato Autostoppisti per la chiusura al traffico del centro di Udine

Dopo che la giunta comunale ha accolto il quesito referendario per impedire il transito dei veicoli privati, ora si pensa a tavoli tecnici condivisi per pianificare la Ztl

Dopo aver presentato le firme raccolte a favore del referendum per la chiusura al traffico del centro di Udine, il Comitato Autostoppisti si è incontrato con il sindaco Pietro Fontanini, a seguito della delibera di giunta che ha accolto le richieste del quesito referendario. «Il riscontro è stato positivo - ha dichiarato Ivano Marchiol del Comitato Autostoppisti - perché diamo atto al sindaco non solo di esserci venuto incontro, ma di aver proprio cambiato direzione rispetto a quella iniziale di aprire il centro storico alle auto». I prossimi passi saranno quelli di far passare la delibera in Consiglio comunale, il far venir meno del referendum da parte del comitato e poi l'istituzione dei tavoli tecnici sulla Ztl. «Il sindaco ha preso una posizione forte e non possiamo far altro che riconoscerglielo. Per confermare la nostra soddisfazione aspettavamo di vedere il testo della delibera che accoglie gran parte delle nostre richieste».

I punti da chiarire

«Ci sono due vulnus - prosegue Marchiol - che sono il ripistino della Ztl solo alla fine lavori su Mercatovecchio, quindi tra 7/8 mesi e non subito, e il fatto che su alcune vie cone Stringher e Savorgnana la decisione sarà presa solo dopo che sarà discusso il piano della mobilità». Per il resto l'incontro è stato più che proficuo, tanto che il sindaco ha confermato che gli "autostoppisti" parteciperanno agli incontri tecnici per definire tutti gli aspetti della nuova Ztl. «La cosa più importante per noi era far capire che non si tratta tanto di chiusura al traffico o pedonalizzazione, quanto di creare momenti di condivisione costruttiva per rivedere il sistema generale della mobilità cittadina. Questa può essere una grande occasione per la città, non solo per il centro di Udine e ci auguriamo che non diventi occasione per litigi da politica spicciola».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Piangevano tutti». L'incredulità e la tristezza dei dipendenti della Safilo

  • Stesa a terra in strada, si pensa a un incidente ma in realtà è un'ubriaca inseguita dal marito

  • Chiude la Safilo di Martignacco, 250 persone senza lavoro

  • Entra in bar e punta il fucile contro un cliente per un commento di troppo

  • Riapre il Liberty: nel locale di viale Ledra rivivranno le anime del PiGreco e del Wellington

  • Scritta ingiuriosa prima della partita, operai all'opera per eliminarla

Torna su
UdineToday è in caricamento