Friulmotor, chiusura dell’anno in bellezza. Con la I20 R5 vince il Prealpi Master Show

Ennesimo successo per il team manzanese, a segno nel Trevigiano con Tempestini e la Hyundai. Un 2019 super per la scuderia, capace di vincere il titolo nazionale rumeno, sloveno e il Cez. “E’ stata una stagione strepitosa, non potevamo chiedere di più” – è il commento dei De Cecco

Friulmotor ha chiuso l’anno in bellezza. La scuderia di Manzano ha vinto anche l’ultima gara del 2019, il Prealpi Master Show, disputatasi sulla terra trevigiana e organizzata dal Motoring Club di Sernaglia della Battaglia. L’ha fatto con la Hyundai I20, affidata a Simone Tempestini e Masina Palitta: i due sono stati capaci di mettersi alle spalle ben quarantaquattro R5 con il tempo di 24’46’’9, stabilito sulle quattro prove speciali in programma.

Per il team si è trattato del punto esclamativo di un’annata eccellente. Nel corso del 2019, infatti, la squadra – sempre con la Hyundai I20 R5 – ha conquistato proprio grazie a Tempestini e Sergiu Itu il campionato nazionale rumeno; ha fatto suo con Rok Turk e Blanka Kacin la serie nazionale slovena e il Cez (Central European Zone), portando in provincia di Udine tre trofei e confermandosi una delle realtà in grado di esportare il marchio Friuli all’estero. Inoltre, grazie a Filippo Bravi ed Enrico Bertoldi, ha vinto anche la prova riservata alla Coppa Rally Quarta Zona del Rally del Friuli Venezia Giulia: l’equipaggio udinese si è imposto anch’esso a bordo della Hyundai I20 R5.  In totale, tra Italia, Romania e Slovenia, la scuderia si è aggiudicata 13 gare, senza dimenticare il terzo posto tra le Wrc 2 al Rally Italia Sardegna nel campionato mondiale fatto segnare dalla I20 R5 con Tempestini e Itu; la vittoria nella classe Over 55 nella finale di Coppa Italia grazie a Claudio De Cecco, pilota quest’ultimo che ha conquistato il titolo con Jean Campeis e che poi, con sua figlia Lisa alle note, ha centrato la seconda piazza al Rally Porec.

“Siamo soddisfatti, si è chiusa un’annata straordinaria: non potevamo chiedere di più – è stato il commento della famiglia De Cecco -. Le gare del mondiale rally sono molto dure e oltre ai risultati ci siamo distinti dal punto di vista tecnico, visto che le nostre vetture non hanno mai riscontrato particolari problemi. Ora ci aspettano nuove sfide per il 2020: siamo pronti ad affrontarle”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Clima impazzito: un temporale di neve imbianca il Friuli

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

Torna su
UdineToday è in caricamento