A&T 2000 ospita la scuola di introduzione alle energie rinnovabili dell'Uniud

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

L’innovativo sistema sperimentale a specchi lineari di A&T 2000 S.p.A., inaugurato il 2 luglio scorso presso la futura nuova sede della società di Pozzuolo del Friuli, farà parte del programma formativo della Summer School " SIER - Scuola di introduzione alle energie rinnovabili", che si terrà dal 2 al 7 Settembre 2019 a Udine presso il Polo Scientifico dei Rizzi. La SIER - Scuola di Introduzione alle Energie Rinnovabili, che opera sotto la direzione della prof.ssa Marina Cobal, è organizzata dall'Università di Udine, in collaborazione con l’Università di Trieste e ICTP-Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics. Giunta alla sua quarta edizione, è indirizzata principalmente a studenti di area scientifica della Laurea Triennale, ma anche ad operatori del settore e persone interessate e ha lo scopo di fornire un’introduzione alle principali tematiche nel campo della scienza delle fonti di energia rinnovabili e del loro utilizzo, attraverso una miscela di formazione ed esercitazioni pratiche. Quest’anno, all’interno del modulo didattico, la scuola vedrà quindi anche la partecipazione di A&T 2000, attraverso una giornata formativa denominata “Energia dalle Biomasse”, che si svolgerà presso l’impianto a specchi lineari di Pozzuolo del Friuli. Gli specchi, istallati in collaborazione da A&T 2000 e Isomorph Srl, costituiscono, infatti, un esempio emblematico di applicazione della scienza alle energie rinnovabili in quanto permettono di trasformare le biomasse (gli scarti vegetali) in carbone solare, ovvero un combustibile ecologico ad alto rendimento energetico. Più nello specifico, l’impianto che gli studenti potranno vedere e approfondire dal vivo si compone di tre specchi lineari che concentrano l’energia solare in altrettanti scambiatori di calore: l’aria calda così prodotta viene insufflata in un tostatore, dove la biomassa sminuzzata viene tostata. Questo procedimento, privando la biomassa del contenuto acquoso, permette di utilizzarla come combustibile denominato appunto “carbone solare”. Questo non solo presenta un alto rendimento energetico, ma può anche essere considerato pulito e senza impatti sul clima in quanto viene prodotto con un procedimento neutrale dal punto di vista delle emissioni di CO2. Per A&T 2000 partecipare al processo formativo della Scuola costituisce un momento di grande prestigio. La società esprime, infatti, grande soddisfazione per essere stati scelti dal mondo accademico come esempio virtuoso di gestione delle energie rinnovabili e per avere l’occasione di mostrare agli studenti e ai loro docenti un sistema innovativo ed efficace di trasformazione delle biomasse in energia pulita.

I più letti
Torna su
UdineToday è in caricamento