Tesi compilativa o sperimentale? Tutte le differenze

Qual è la differenza tra queste due tipologie di tesi di laurea? Quale scegliere? Ecco una breve guida

@ Immagine tratta da crotone.unicusano.it

Scrivere una tesi non è di certo una passeggiata, ma si tratta di un lavoro lungo e impegnativo, anche se, alla fine, molto gratificante. Tradizionalmente questa si divide in due diverse tipologie: compilativa o sperimentale. Quali sono le differenze?

Tesi compilativa

Questa prima tipologia, detta anche curricolare, consiste nell'analisi e nell'elaborazione di una più o meno vasta raccolta di fonti e bibliografia/sitografia. Lo studente, quindi, dovrà raccogliere quante più informazioni attendibili relative all'argomento scelto e riassumere il contenuto di questi testi creando una tesi chiara e ordinata. Anche questa tesi, come la sperimentale, può essere complessa, dipende molto dall'argomento scelto. Di solito, la tesi compilativa viene scelta per concludere il percorso triennale e/o di tipo umanistico, ma nulla vieta di scegliere anche la seconda tipologia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tesi sperimentale

La secondo tipologia, detta anche tesi di ricerca, consiste in un importante lavoro di studio e di ricerca sull'argomento scelto. A differenza della prima tipologia, qui lo scopo è quello di fornire un nuovo punto di vista o far emergere degli aspetti originali e innovativi. Anche questa tesi presenta una parte compilativa, ma il nucleo dell'elaborato è rappresentato dal lavoro di ricerca. Questa tesi, per esempio, può dare l'occasione di approfondire argomenti ancora poco conosciuti ma di grande interesse storico o sociale. La tesi sperimentale è scelta, nella maggior parte dei casi, alla fine del percorso specialistico o magistrale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Professionisti del verde: ora c’è la qualifica

Torna su
UdineToday è in caricamento