La Riserva Naturale del Lago di Cornino: una perla della regione

Da visitare almeno una volta nella vita, la Riserva ospita diversi eventi durante l'anno, oltre a escursioni, visite guidate e il "Progetto Grifone"

La Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino, nel comune di Forgaria del Friuli, è una delle perle della nostra regione, da visitare assieme alla famiglia o agli amici per una gita fuori porta immersi nella natura o per godersi ore di relax, escursioni e visite guidate assieme a guide esperte.

La Riserva

La riserva naturale conta una superficie totale di 487 ettari e tocca i comuni di Forgaria nel Friuli e di Trasaghis. Inoltre, occupa buona parte dell'alveo del fiume Tagliamento, per una lunghezza complessiva di quasi sei chilometri. Comprendendo una superficie totale molto ampia, la riserva presenta un'elevata diversità ambientale. La morfologia e l'esposizione dei rilievi, le presenza del fiume e del settore prealpino orientale, determinano infatti fattori faunistici e vegetazionali di estremo interesse. Protagonista della riserva rimane comunque il Lago di Cornino, riconoscibile per la trasparenza delle acque di colore verde-azzurro, un piccolo specchio d'acqua che ha avuto origine durante il ritiro dei ghiacci avvenuto circa 10mila anni fa.

Il Progetto Grifone

La riserva inoltre ospita il "Progetto Grifone", un progetto di conservazione di questa specie avviato già negli anni Ottanta. L'iniziativa, nel corso degli anni, ha portato alla creazione di una colonia nidificante dei grifoni, e continuano le iniziative di sperimentazione e di ricerca scientifica sulla specie. Ma oltre ai Grifoni, all'interno della riserva si possono incontrare anche numerosi rettili come la vipera dal corno, l'orbettino, il biaccio e il saettone, anfibi come la salamandra pezzata, il rospo comune e il rospo smeraldino. Ancora, tipici uccelli di pianura o di zone umide come aironi, anatre, gabbiani e limicoli, ma anche tottaville e ortolani. Nelle aree circostanti il lago invece, possiamo trovare merli, capinere, cinciallegre, cinciarelle, fringuelli, usignoli, ghiandaie, picchi rossi maggiori, picchi verdi, zigoli muciatti e luì bianchi. Presenti inoltre gufi reali, il biancone, il falco pecchiaiolo e l'astore, falchi di palude, falchi pescatori, falco cuculo o smeriglio. Tra i mammiferi possiamo trovare invece topiragno alpini, ricci, ghiri, moscardini e scoiattoli, ma anche volpi, tassi, faine e caprioli.

Le visite

La riserva inoltre da la possibilità a tutti, bambini e adulti, di prendere parte a visite guidate. Le visite guidate e le attività didattiche che la riserva offre sono: attività per la famiglie, attività per gruppi, per scuole e per i centri estivi. La guida può essere fatta solo su prenotazione chiamando il numero: 0427 808526; oppure mandando una mail all’indirizzo: centrovisite@riservacornino.it almeno 2 giorni prima della visita. Inoltre, diverse anche le escursioni proposte, come "Sentiero del Lago", "Sentiero del Lago e della vegetazione", "Sentiero Sompcornino-Ledrania-Peonis".

"La Giornata della Terra", una Pasquetta alternativa alla Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino

La Riserva naturale regionale del lago di Cornino presenta la stagione 2019

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Maxi operazione antidroga "Invisibili", arrestato boss del narcotraffico

  • Cronaca

    Scoperto mentre dormiva in auto tra i vigneti: arrestato latitante friulano

  • Cronaca

    Circola senza patente, provoca incidente e scappa

  • Cronaca

    Marina Azzurra, il giudice annulla il sequestro

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in autostrada lungo la A4

  • Sono due giovani operai le vittime del grave incidente autostradale

  • Dopo le grandi città tursitiche, è Lignano a dotarsi del sistema di self check-in e check-out

  • Rissa fra giovani in piazza Matteotti

  • Camion incastrato nel sottopassaggio di piazzale Cella

  • Sposa un'italiana per il permesso di soggiorno e poi la picchia e la violenta

Torna su
UdineToday è in caricamento