Province autonome di Trieste e del Friuli: al via la raccolta firme per il referendum

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Mentre la vecchia politica partitica italiana gioca con le nostre tasse e filosofeggia su temi che non portano nessun utile ai nostri cittadini, il neo-centralismo imperante sta cancellando il Friuli con un disegno disgregatore che non ha mai avuto uguali nella storia di questa terra.

Eliminazione delle Province storiche, frammentazione dell' unità territoriale con le UTI, collegi elettorali che aggregano comuni friulani a Trieste, l' introduzione di una città metropolitana a Triete con privilegi sproporzionati, una riforma dello Statuto regionale in antitesi con l' esperienza autonomista della ricostruzione post sismica, le assurde proposte di macroregione triveneta, sono i drammatici fatti contro cui oggi dobbiamo batterci per sopravvivere.

Per questo anche Patrie Furlane aderisce al comitato refererendario che si è costituito a Rivignano Teor e che si propone l'istituzione delle due province autonome del Friuli e di Trieste sul modello di quanto già avviene in Trentino - Alto Adige e per far ciò propone anche l'abrogazione della Legge Regionale istitutiva delle UTI, vere e proprie miniprovince inutili, costose e dirette contro il Friuli, per stessa espressa ammissione degli esponenti della Giunta Regionale che
le ha imposte. Per ciò Patrie Furlane ha deciso di mettere a disposizione i propri rappresentanti istituzionali e la propria sede per la raccolta delle firme necessarie a ribadire ancora una volta l' autodeterminazione dei suoi popoli, sia friulani che triestini.

Sabato 27 Febbraio dalle ore 10.00 alle ore 13,00 la sede di Patrie Furlane, a Basaldella, Via V. Emanuele III n. 3, sarà aperta a tutti i cittadini friulani che desiderano apporre la loro firma alle due proposte di referendum lanciate dal sindaco di Rivignano Mario Anzil e che prossimamente verranno depositate presso la Presidenza del Consiglio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Torna su
UdineToday è in caricamento