Pro loco Fvg: assemblea partecipata a Pozzuolo, rieletto il presidente Pezzarini

I rappresentanti di 234 Pro Loco del Friuli Venezia Giulia, che insieme vantano oltre 22 mila volontari, si sono riuniti a Pozzuolo del Friuli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

I rappresentanti di 234 Pro Loco del Friuli Venezia Giulia, che insieme vantano oltre 22 mila volontari, si sono riuniti oggi 2 aprile all'auditorium dell'IPSAA Sabbatini in via delle Scuole a Pozzuolo del Friuli per assemblea annuale del Comitato del Friuli Venezia Giulia dell'Unione nazionale Pro Loco d'Italia. All'ordine del giorno l'approvazione del bilancio 2015 e l'elezione del nuovo direttivo, con la riconferma per un secondo mandato quadriennale del presidente uscente Valter Pezzarini. "Lo scorso anno - ha sottolineato - gli eventi organizzati dalle nostre Pro Loco hanno registrato un +25% di presenze, segno di un richiamo qualitativo che continua a crescere. Siamo una forza positiva, con tante persone di ogni età impegnate per tutti i mesi dell'anno nelle rispettive comunità: siamo il valore aggiunto, il collante sociale, una risorsa per ogni nostro paese".

Un momento significativo, quello di Pozzuolo, nella vita del Comitato in cui sono stati tratti i consuntivi dell'annata appena trascorsa e annunciati gli obiettivi futuri. Presente il vicepresidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Sergio Bolzonello, il quale ha lodato il mondo delle Pro Loco regionali per tutto quello che fa a favore del territorio. "Le Pro Loco - ha dichiarato - sono una spina dorsale del sistema del volontariato, ricreativo e turistico del Friuli Venezia Giulia. Grande apprezzamento per il lavoro dei volontari e l'operato della squadra del presidente Pezzarini in questi quattro anni in cui hanno risanato il bilancio e dato solidità a questo movimento fondamentale per la comunità regionale. Con le nuove leggi regionali su commercio e turismo l'asticella della qualità si alzerà ma siamo pronti a continuare il lavoro sinergico con le Pro Loco, che invito ad ampliare anche la loro funzione di welfare sociale soprattutto nei piccoli centri".

Con l'occasione sono stati anche ricordati i 30 anni dalla fondazione della Pro Loco di Pozzuolo. Sono intervenuti pure Enrico Faes, presidente dell'Unpli Trentino con il quale il Comitato del Friuli Venezia Giulia collabora positivamente ("Siamo da anni in contatto e stiamo "studiando" il modello del Comitato del Friuli Venezia Giulia per quanto riguarda la sede centrale e la gestione delle risorse"); Silvano Bertossi, presidente del Consorzio Sericus e delegato della Pro Loco Pozzuolo del Friuli che con Massimiliano Pozzo, vicesindaco del Comune di Pozzuolo del Friuli ha lanciato un appello contro la troppa burocrazia che "soffoca" le Pro Loco; Luigino Nazzi dirigente scolastico dell'IPSAA di Pozzuolo attivo da 135 anni.

Hanno portato il loro saluto, a testimonianza della collaborazione pluriennale che lega le loro istituzioni al Comitato, Pietro Colussi, sovrintendente Azienda Speciale Villa Manin; Federico Vicario, presidente Società Filologica Friulana; Oldino Cernoia, vicepresidente vicario Fondazione CRUP. Presenti anche i consiglieri regionali Vittorino Boem ed Ennio Agnola.

Applausi anche ai membri del direttivo uscente, tra i quali il vicepresidente Antonio Tesolin, per il lavoro svolto insieme a Pezzarini e al consigliere rappresentante nell'Unpli nazionale Marco Specia. "In particolare - ha sottolineato Tesolin - siamo riusciti a riportare il Comitato dentro la grande famiglia dell'Unpli nazionale, condividendo servizi e progettualità".
Presenti anche il vicepresidente nazionale Unpli Mauro Giannarelli e il segretario Roberto Prescendi. La relazione del collegio dei revisori dei conti è stata del presidente del collegio Maurizio Rosa.

"Sono stati quattro anni impegnativi - ha aggiunto Pezzarini prima della rielezione - non privi di difficoltà, ma anche con risultati positivi grazie al lavoro di tutto il Consiglio direttivo. Abbiamo ricostruito il rapporto con le istituzioni, che avevamo trovato ai minimi storici, a partire dalla grand sinergia che si è creata con la Regione e Turismo Fvg per promuovere insieme turismo slow e di qualità. A testimonianza di questo per il terzo anno consecutivo il vicepresidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Sergio Bolzonello ha partecipato alla nostra assemblea. Abbiamo poi affrontato una situazione economica difficile, portando l'esercizio in utile di 30 mila euro nel 2015 e risollevando la situazione passiva che avevamo trovato, puntando su trasparenza e ottimizzazione dei costi. Fondamentali infine nel nostro cammino durante il mandato il consolidamento dei rapporti con la base, per far sentire tutta la loro importanza ai volontari delle nostre Pro Loco, e la riorganizzazione e razionalizzazione degli uffici del Comitato, gestendo da ultimo anche il trasloco nella nuova sede nel corpo principale di Villa Manin, dove gestiamo anche il frequentatissimo infopoint. In sintesi, abbiamo promosso una visione unitaria e regionale della nostra associazione, cercando di coinvolgere e di stimolare tutte le realtà, anche le più piccole, perché sono ricche di storia e tradizioni portate avanti da persone fortemente attaccate al proprio territorio".

Pezzarini ha anche commentato positivamente il progetto di Servizio civile dedicato alla Grande guerra che ha portato tra 2015 e 2016 46 giovani a operare nelle Pro Loco regionali, annunciando che a Roma è stato appena approvato il nuovo progetto dedicato ai Cammini di fede sul territorio che dalla fine del 2016 vedrà all'opera altri 50 volontari in 27 sedi accreditate. Importante anche il rapporto con scuole superiori e università per la formazione degli studenti.

Spazio poi agli obiettivi del nuovo mandato. "Proseguire nel rapporto positivo con le istituzioni - ha concluso il presidente del Comitato -. Soprattutto con la nuova PromoTurismo Fvg puntiamo a potenziare gli uffici di Informazione turistica più strategici e dare a tutti accesso alle nuove tecnologie per promuovere il territorio. E poi la formazione continua dei nostri volontari, per alzare ulteriormente la qualità delle nostre manifestazioni riconosciutaci tante volte dall'Unpli nazionale. Proseguirà il cammino di autoriforma dei consorzi e l'integrazione dei loro servizi. Decisivo per il nostro futuro sarà anche il passaggio generazionale, coinvolgendo sempre di più i giovani. Confermato infine l'impegno per tre eventi di grande livello organizzati direttamente dal Comitato, uno dei pochi casi in Italia di gestione diretta: Sapori Pro Loco, la grande manifestazione enogastronomica delle tipicità regionali in programma nel prato tra le Esedre di Villa Manin dal 14 al 15 e dal 20 al 22 maggio; Folklore in Villa Manin con gruppo di danzatori da tutto il mondo ad agosto; Natale in Villa a dicembre e gennaio con migliaia di presenze per gli eventi presepiali sia a Villa Manin che sul territorio con il Giro Presepi".

Torna su
UdineToday è in caricamento