Riparte MusiCarnia: due concerti per l'inaugurazione del nuovo Palazzetto dello Sport di Ravascletto

  • Dove
    Palazzetto dello Sport
    Indirizzo non disponibile
    Ravascletto
  • Quando
    Dal 02/09/2016 al 03/09/2016
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Dopo la pausa estiva e sull’onda del successo dei concerti sold-out di Roberto Vecchioni (Tolmezzo) e dei Modena City Ramblers (Villa Santina), riparte MusiCarnia, la nuova rassegna firmata Euritmica, sostenuta dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dai comuni aderenti al progetto, da LegaCoop Fvg e con la collaborazione del consorzio Carnia Welcome e della Cooperativa Sociale Itaca.

L’occasione è l’inaugurazione del nuovissimo Palazzetto dello Sport di Ravascletto, dove si festeggerà l’importante obiettivo raggiunto con una grande festa musicale, patrocinata dal comune stesso, che durerà due giorni. Venerdì 2 settembre saliranno sul palco i Lou Seriol, in un abbraccio ideale tra la cultura occitana e quella moneana e sabato 3 settembre il cantautore friulano Luigi Maieron che, come da tradizione, ama ritornare almeno una volta l’anno ad esibirsi nella sua Carnia.

Entrambi i concerti sono ad ingresso libero ed avranno inizio alle ore 21:00.

Ravascletto, la piccola perla turistica ai piedi del Monte Zoncolan, ospita dunque i Lou Seriol, un gruppo di Cuneo che ha fatto della riscoperta della musica popolare in lingua occitana e della sua valorizzazione la propria cifra stilistica. Il repertorio è ovviamente tratto dal patrimonio della terra occitana, proposto in lingua d’Oc, che viene utilizzato nella sua formula più pura, ossia quella popolare, con l’uso, però, di strumenti non proprio “tradizionali” (congas, basso elettrico), in un vero e proprio percorso di sperimentazione che da vita al sound “made in Lou Seriol”, rafforzatosi negli anni. La musica dei Lou Seriol è dunque in continua evoluzione e fortemente orientata verso nuovi confini sonori che toccano il reggae, l’hip hop, il rock e il pop.

I Lou Seriol sono: Stefano Degioanni: voce, flauti Edoardo Degioanni: organetto Adriano Rovere: chitarra Benjamin Newton: basso Roberto Gaia: batteria.

Il giorno dopo, sempre sul palco allestito nella nuova struttura, si esibirà il cantautore Luigi Maieron, che tra le montagne carniche è nato e vive. Con lui sul palco ci saranno Mariko Masuda al violino, Paolo Manfrin al basso e Ivan Moda alle chitarre.

Maieron riproporrà i suoi classici come Mago Tiraca, Mieli e l’immancabile Neve di Anna, ma non mancheranno sorprese e alcune anticipazioni del nuovo CD in corso d’opera. Sarà una serata all’insegna della musica e della poesia, secondo il  percorso più congeniale a  Maieron abituato a  muoversi  tra radice e presente, in un gioco di note che fa dell’utilità uno degli scopi principali. Maieron vanta alcune collaborazioni importanti, Massimo Bubola coautore di brani importanti assieme all’indimenticato Fabrizio De Andrè ha prodotto il primo disco di Maieron “Si Vîf”, che si è imposto tra i dischi del decennio nel folk nazionale. Inoltre ha diviso diverse volte il palco con Davide Van De Sfroos, suo amico e sostenitore, tra i cantautori più importanti del panorama nazionale attuale. Sarà una serata all’insegna della buona musica di casa ma dall’alto delle montagne si riuscirà a vedere lontano…

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • A Lignano Sabbiadoro il grande Presepe di Sabbia 2019

    • dal 30 novembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Tensostruttura a ridosso della Terrazza a Mare
  • Il The della domenica al castello di Buttrio

    • dal 17 novembre 2019 al 29 marzo 2020
    • Castello di Buttrio
  • Corsi propedeutici all’off-road, iscrizioni al via: a Gonars istruttori a disposizione dei mini-piloti 

    • dal 13 aprile al 15 gennaio 2020
    • Pista di motocross
  • Al Duomo di Udine la mostra "La donazione Renzo Tubaro"

    • Gratis
    • dal 6 dicembre 2019 al 30 gennaio 2020
    • Museo del Duomo di Udine
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    UdineToday è in caricamento