Vittorio Bresciani protagonista "Modena" di Palmanova

  • Dove
    Teatro Gustavo Modena
    Indirizzo non disponibile
    Palmanova
  • Quando
    Dal 07/12/2017 al 07/12/2017
    20:45
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

La Stagione Sinfonica della Mitteleuropa Orchestra, Conversando con Psiche, giunge all’ultimo appuntamento giovedì 7 dicembre, alle ore 20.45, al Teatro Gustavo Modena di Palmanova, con un concerto imperdibile che vedrà protagonista il celebre pianista Vittorio Bresciani, nella duplice veste di direttore e solista, e l’Orchestra Sinfonica regionale.

Considerato uno tra i migliori specialisti lisztiani del nostro Paese, Vittorio Bresciani è pianista e direttore d’orchestra. Nel 1986 si è affermato sulla scena mondiale grazie al secondo premio conseguito in occasione del Concorso Internazionale Franz Liszt di Parma. Da allora Bresciani si è esibito in tutto il mondo per le più importanti istituzioni concertistiche e festival. Bresciani ha inoltre partecipato a numerosi Festival Internazionali organizzati dall’American Liszt Society e si è esibito nella storica Haus Wahnfried di Bayreuth per la Richard Wagner Verband, con un pianoforte Steinway del 1876 che appartenne a Wagner e che fu frequentemente suonato da Liszt. Dal 2000 Bresciani ha accostato con crescente intensità, l’attività direttoriale a quella pianistica. Nella doppia veste di solista e direttore, collabora con molte tra le più prestigiose compagini dell’Est europeo e con numerose orchestre italiane, in programmi prevalentemente basati sul repertorio orchestrale romantico di Liszt, Wagner e Cajkowskij. Tra i suoi migliori successi, vi è la creazione dello spettacolo multimediale sulla Divina Commedia, al quale si è dedicato a partire dal 2001, parallelamente all’usuale dinamismo concertistico.

Il programma della serata prevede: F. Liszt - Les préludes (Poema sinfonico n. 3 da Alphonse de Lamartine), F. Liszt - Concerto n. 1 in Mi bemolle Maggiore per pianoforte e orchestra, F. Liszt - Torquato Tasso, Lamento e Trionfo (Poema sinfonico n. 2 da George Byron) e F. Liszt - Mephisto Valzer (trascrizione per orchestra).

Un programma monografico su una personalità immensa come Franz Listz, nel percorso che si è voluto tracciare in Conversando con Psiche, va qui sottolineato come nel lavoro sinfonico sul Tasso – composto intorno al 1850 – l’ispirazione listziana faccia riferimento ai conflitti interiori del poeta, e soprattutto alle sue sofferenze nel corso dei sette anni trascorsi all’interno dell’Ospedale psichiatrico di Sant’Anna, a Ferrara. Gli stessi Mephisto Valzer, che hanno trovano origine letteraria da un episodio faustiano nei racconti di Nikolaus Lenau, sembrano testimoniare una esaltazione della sensorialità, oltre che una alterità della psiche. La dilatazione emotiva oltre le forme consuete vale anche per “Les Preludes”, che nel 1856 è la prima composizione orchestrale concepita come “poema sinfonico” in senso moderno. Il primo concerto per pianoforte in mib verrà eseguito a Weimar un anno prima dei Preludes, con il compositore al pianoforte. Alla direzione d’orchestra niente meno che lo stesso Berlioz, autore in quegli anni della Damnation de Faust, opera-oratorio ispirata a sua volta dal capolavoro di Goethe.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Francesco Gabbani al 60esimo Festival di Majano 2020

    • 26 luglio 2020
    • Area concerti del festival
  • La pop-star britannica Dido a Udine Vola 2020

    • 27 luglio 2020
    • Castello di Udine
  • A Palmanova "Omaggio a Ennio Morricone" in estate

    • 18 luglio 2020

I più visti

  • Giornata in canoa sul fiume Natisone

    • dal 4 luglio al 23 agosto 2020
  • Francesco Gabbani al 60esimo Festival di Majano 2020

    • 26 luglio 2020
    • Area concerti del festival
  • Opere d'arte tra la natura: riapre il parco Braida Copetti

    • Gratis
    • dal 11 giugno al 26 luglio 2020
    • Parco sculture "Braida Copetti"
  • La pop-star britannica Dido a Udine Vola 2020

    • 27 luglio 2020
    • Castello di Udine
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    UdineToday è in caricamento