Expo2015: nutrire il territorio. il locale che diventa universale

L'evento organizzato dal Team giovani 2.0 della Banca di Udine che ha portato Expo in Friuli. con la partecipazione di Davide Paolini, il Gastronauta di Radio 24

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Il 2015 è l'anno di Expo. E' l'anno dell'Esposizione Universale, del più grande evento mai realizzato sull'alimentazione, della vetrina dove i Paesi partecipanti mostrano il meglio delle proprie tecnologie agroalimentari, valorizzano le tradizioni ed esaltano le eccellenze.

Ma cosa rappresenta Expo per il Friuli? Come può la qualità dei nostri territori affermarsi a livello internazionale, uscire dal Locale diventare Universale? A queste domande è stata data risposta in un confronto che si è tenuto l'11 giugno alla Casa della Contadinanza presso il Castello di Udine.

Una tavola rotonda per riflettere e confrontarsi sulla creatività, la tradizione e l'innovazione che hanno portato le eccellenze del nostro Territorio ad affermarsi a livello internazionale.

A fare gli onori di casa è stato il Team Giovani 2.0 della Banca di Udine che ha curato direttamente l'organizzazione dell'evento in collaborazione con il Gruppo Giovani di Confindustria Udine ed il Comitato Giovanile della Camera di Commercio e con il patrocinio della Camera di Commercio.

Moderati da Piero Villotta si sono confrontati la voce storica di Radio 24 Davide Paolini, gli chef Emanuele Scarello e Maurizio Berlinghieri, gli imprenditori Luca Comello e Paolo Dentesano ed Elisabetta Leoni di Iccrea Holding. A Sergio Bolzonello il compito dei saluti finali.

Al termine dei lavori è seguito un momento conviviale in cui alcuni produttori locali d'eccellenzahanno avuto l'opportunità di promuovere i propri prodotti enogastronomici e vitivinicoli, offrendo al pubblico presente una degustazione degli stessi.

L'evento ha coinvolto oltre un centinaio di persone riscuotendo un forte successo, sia tra gli addetti ai lavori che tra il pubblico presente.

Torna su
UdineToday è in caricamento