"C'era una volta l'orto": Expo 2015 "eccellenze"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Il Video "C'era una volta l'orto" realizzato dal Laboratorio Audiovisivi Friulano di Premariacco ,nell'ambito del Video Anch'io 2014 , con la Scuola Media di Premariacco è stato segnalato per partecipare all'Expo di Milano il giorno 8 agosto 2015 alle ore 16,30 attraverso il Progetto "Paradisi a Premariacco" è grazie a questo video ha ottenuto la segnalazione. Il Miur infatti , aveva creata una prima selezione tra le scuole che si fossero distinte sulle tematiche dell'EXPO. La scuola Media di Premariacco è stata inserita nelle 6 scuole "Eccellenze".

Il documentario parla, tra passato e presente, di come veniva svolto il lavoro negli orti nella Premariacco degli anni '50. Una storia del passato che viene raccontata nel presente attraverso le parole e le espressioni di una "donna di una volta" che ha sempre avuto un amore incondizionato per l'orto. Un racconto che viene tramandato alle nuove generazioni, infatti ad ascoltare la donna ci sono le proprie nipotine. La donna racconterà la tecnica, le problematiche e le strategie migliori dettate dall'esperienza per lavorare un orto. Sentiremo parole che ci faranno venire in mente i colori dei fiori, delle piante e degli alberi, parole che ci faranno immaginare il sapore dei prodotti genuini della terra. È un viaggio attraverso i ricordi immersi nella natura.

Il video è stato realizzato dai ragazzi della terza A e terza B della scuola media di Premariacco sotto la supervisione artistica di Marco Fabbro, vicepresidente del Laboratorio Audiovisivi Friulano con la collaborazione tecnica di Riccardo Calderini e, degli insegnanti Massimo Asquini, Luella Guglielmin, Graziella Sinuello della Scuola Media. Gli studenti si sono messi alla prova in un vero e proprio set impersonando le figure professionali necessarie per la realizzazione di un prodotto filmico. Hanno utilizzato microfoni, telecamere, luci e tutti gli strumenti necessari sotto la direzione di Marco Fabbro. Il video quindi è la conseguenza di tutto ciò che hanno imparato grazie al Laboratorio Audiovisivi Friulano, un lavoro con i pregi e i difetti di un'opera prima realizzata da ragazzi alle prime armi con lo strumento audiovisivo. Ma ora quegli stessi ragazzi portano con sé la grande soddisfazione di avere terminato un progetto per nulla semplice da affrontare ma che ha ottenuto anche la possibilità di partecipare all'Expo di Milano .

Lo scopo del Laboratorio Audiovisivi Friulano è stato quello di offrire una possibilità creativa dell'utilizzo dei mezzi di comunicazione multimediali.

Oggi tutti hanno un telefonino, un tablet, una fotocamera e tutti li sanno usare senza problemi, senza entrare nel merito se questo sia un bene o un male per loro,essendo questo un aspetto che appartiene più alla propria correttezza di relazione , il Laf ha voluto mostrare loro una delle infinite possibilità che questi mezzi offrono ,al fine di non essere solo consumatori, ma creativi e creatori di piccole opere di fantasia o pronti a cogliere i racconti che uomini e donne di grande forza, anche se non coronati di allori, riescono a trasmettere ai più giovani, uomini e donne che vivono e operano vicini a loro.

Quindi siamo davvero orgogliosi dell' esito ,che è poi il fine dell'Associazione Laboratorio Audiovisivi Friulano, ringraziamo tutti quanti hanno permesso questo speciale risultato.

Il Presidente Giancarlo Zannier

Torna su
UdineToday è in caricamento