Come nasce "Arte in vetrina": l'intervista all'ideatrice

Martina Tavano, ballerina e coreografa, sarà in scena sabato sera in centro storico con il suo festival itinerante, che animerà vetrine e spazi urbani con danza, teatro, pittura, musica

Foto di Fabrizio Rigo

Incontriamo l'ideatrice e organizzatrice Martina Tavano, coreografa e ballerina, giunta oramai alla terza edizione di questa rassegna

Come nasce "Arte in Vetrina"?
Coltivavo da tempo’idea di "Arte in Vetrina", un festival itinerante nel centro storico della città, perchè come ballerina e coreografa sono sempre stata affascinata dall’idea di portare la danza in luoghi non convenzionali. Nel 2013 ho partecipato con l'atelier enidUDanza a un concorso di danza a Bolzano come performer e coreografa, vincendolo. Si trattava proprio di una rassegna che si sviluppava nel centro della città. Questo mi ha fatto venire voglia di approfondire e sviluppare questo format, incentivata dal fatto che il centro di Udine è delizioso pieno di scorci, spazi, vetrine che posso essere teatrini meravigliosi per varie rappresentazioni artistiche: musica, danza, pittura, recitazione.

Come professionista della danza, cosa l’ha spinta a coinvolgere anche altre discipline artistiche?
Il mio interesse per l’arte è a 360° e i miei studi mi hanno portata ad approfondire ed amare profondamente varie discipline: dalla musica al cinema. Inoltre, il fatto di raggruppare in un unico contenitore diverse forme d’arte è una maniera per favorirne la contaminazione e l’interazione, altra cosa che amo e perseguo ogni volta che posso.

Ci sarà un filo logico che legherà tra loro le varie performance di “Arte in Vetrina”?
Sì, perchè tutti gli spettacoli sono ispirati dallo spazio urbano che li ospita. 
In qualche maniera è come se lo stesso soggetto, Udine con le sue vetrine e il suo centro storico, venisse raccontato e descritto in maniera diversa da artisti differenti con i loro rispettivi linguaggi.

Chi saranno gli artisti coinvolti per la danza e il teatro?
Ci saranno  Alessandro Conte, Raffaello Titton, Pilar Gallegos, Noel Colledani, Chiara Pasqualini, Ilaria Del Negro, Chiara Corbetta, Chiara Cenciarini, Francesca Masala, Lucrezia Gabrieli e, ovviamente, io.

Mentre per le altre discipline?
Per la musica suoneranno la cantante Giulia Adele Bettinelli  e il chitarrista e flautista Andrea Vittori e Tommaso Bisiak. Poi ci sarà Andrea Antoni per la Street Art e le esposizioni fotografiche e di pittura di Dimitri Gazziero, Erica Garbin, Elena Zamparutti, Virginie Foubert, Ballerina Art di Roberto Casasola e Lisa Fabro.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impresa edile ha lavori fino ad aprile 2020 ma non trova operai: «Rischiamo di chiudere tutto»

  • Confonde l'acceleratore col freno e tampona cinque auto

  • Morto folgorato al primo giorno di lavoro, si va al processo

  • FOTONOTIZIA Auto ribaltata in tangenziale

  • Schianto nella notte, muore a 39 anni

  • Distruggono la piscina di Feletto, danni per oltre 50mila euro

Torna su
UdineToday è in caricamento