Uilp Udine: tutela di reddito e pensioni

I pensionati al fianco delle categorie per una piattaforma sindacale per rivendicare un welfare più equo e solidale. Fondamentale una contrattazione sui bilanci di Regione, Province e Comuni

 “Chiediamo lavoro, sviluppo e occupazione. Chiediamo tutela di reddito e pensioni. Chiediamo un welfare pubblico e solidale, accompagnati a una legge sulla non autosufficienza e una lotta seria agli sprechi e ai privilegi. Oltre che di estendere la riduzione delle tasse anche ai pensionati”.

Il segretario provinciale della UILP pensionati di Udine, Ferruccio Viotto, ha aperto questa mattina il decimo congresso territoriale della categoria, alle 9.30 al ristorante Belvedere di Tricesimo, con queste rivendicazioni, etichettando come una “grave ingiustizia” la discriminazione subita in questi anni dai pensionati.

“Le pensioni hanno perso il 30% del potere d’acquisto e non c’è ancora alcuna prospettiva di rivalutazione. Le pensioni percepite sono molto basse e ora non viene neanche assicurato un provvedimento analogo agli 80 euro mensili attribuiti ai lavoratori dipendenti”, ha aggiunto nella relazione con cui ha dato conto dell’attività svolta dalla UILP di Udine dal 6 novembre 2009, presente sul territorio con le 9 Leghe presenti nei comuni sedi dell’ambito socioassistenziale.

Sono stati ricordati così gli incontri promossi con i sindaci per trovare accordi che modulino la tariffazione dei servizi e delle tasse per i cittadini con Isee più bassi, l’iniziativa delle Leghe di Gemona per una verifica organica sul funzionamento di tutte le Case di Riposo che ha portato a delineare un quadro delle criticità e il convengo sui medici di famiglia organizzato dalle Leghe di Cividale che ora si punta a estendere a livello provinciale.

Insediatasi nella sede di via Chinotto 5 appena ristrutturata e che verrà inaugurata il 15 maggio alla presenza del Segretario Generale Romano Bellissima e del Segretario Organizzativo Emanuele Ronzoni, la UILP è impegnata al fianco dei segretari camerali provinciali per redigere una piattaforma sindacale condivisa sulle più ampie tematiche (sanità, trasporti, sociale, enti locali e scuola) su cui avviare un confronto serio con gli enti istituzionali.

“A tutela del reddito dei lavoratori e pensionati è fondamentale una contrattazione sui bilanci di Regioni, Province e Comuni, con riferimento alle scelte finanziarie”, ha aggiunto il segretario regionale UILP Magda Gruarin, elogiando il progetto sperimentale di Social Card che “prevede per la prima volta, oltre al sostegno economico, anche la presa in carico e la realizzazione di progetti individuali personalizzati”.

In chiusura dei lavori, il segretario nazionale UILP Agostino Siciliano ha lanciato l’iniziativa di invio al Presidente del Consiglio Matteo Renzi di una cartolina da parte di tutti i pensionati che suona come un loro “grido d’allarme”.

“I pensionati, con il loro reddito, stanno svolgendo un ruolo di ammortizzatore sociale. Sono favorevoli al provvedimento degli 80 euro dati ai lavoratori dipendenti, ma dovrebbe essere esteso anche ai pensionati. Si devono sentire cittadini anche loro – ha aggiunto -. Chiediamo al Governo di aprire un tavolo di concertazione in cui discutere non solo dell’aumento delle pensioni, ma anche delle necessità di adeguamento delle città, ad esempio per trasporti e servizi, a una società che invecchia”.

Potrebbe interessarti

  • Come riconoscere l'allergia al nichel

  • Ristoranti vegani: dove andare in città?

  • Farmaci generici e di marca: sono davvero uguali?

  • Api, vespe e calabroni: come allontanarli con rimedi naturali

I più letti della settimana

  • Giallo sulla morte di Anamaria, la giovane parrucchiera trovata morta in un bosco

  • Turista posteggia l'auto sul lungomare di Lignano e lascia il cane chiuso dentro

  • Tragica fatalità, agricoltore muore dopo aver acquistato un trattore

  • Incidente stradale, il bilancio è di un morto e tre feriti

  • Sequestrati in provincia di Udine 100 kg di preparato per gelato scaduto

  • La Guardia di Finanza ad Aria di Festa, cucina ferma e centinaia di avventori in protesta

Torna su
UdineToday è in caricamento