"Principe di San Daniele" in crisi, «la Regione intervenga immediatamente»

L'auspicio è del segretario del Partito democratico Cristiano Shaurli

Vladimir Dukcevich

«Grande preoccupazione per la situazione del gruppo e soprattutto dei molti lavoratori che vi sono impiegati. Seguiamo con attenzione gli sviluppi, in contatto con le rappresentanze sindacali». Così il segretario regionale Pd Fvg Cristiano Shaurli a proposito dell'annuncio dei coniugi Dukcevich, i quali hanno resa nota l'insostenibilità delle condizioni finanziarie del gruppo cui fanno capo, tra le altre, le società Principe e King's, famose per la produzione di prosciutti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un duro colpo

«Si tratta di aziende di rango nazionale che hanno fatto la storia - spiega Shaurli - di un ramo alimentare e il cui marchio è affermato ed in questo caso anche molto legato ed identificato con il nostro territorio Auspichiamo l'immediato intervento di Regione, a chiarire la gravità della situazione e ad approntare piani di intervento, se necessario col supporto del Governo. È chiaro che la cessazione dell'attività non può essere nemmeno ipotizzata: sarebbe  - conclude - l'ennesimo duro colpo per il manifatturiero triestino».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio mascherina: non sarà più un obbligo né all'aperto e né al chiuso

  • Addio mascherina, è ufficiale: via libera anche a cinema e sagre

  • Trovato morto nel suo letto a 26 anni, era nativo di Latisana

  • Schianto mortale in Carnia, perde la vita un motociclista

  • Vacanze estive: dove possono andare friulani e italiani nell'estate 2020

  • Carlo Cracco stringe una collaborazione con un'azienda friulana

Torna su
UdineToday è in caricamento