Manca personale nei distretti di sedia e mobile: la ricerca

Nella nostra regione vola la manifattura ma mancano, nei vari settori, ben 20 mila addetti tra operai e tecnici specializzati. Lo dice il rapporto sull’economia della Unioncamere e lo conferma il Cluster Arredo e Sistema Casa: “Le aziende della produzione di imbottiti e tappezzerie dei due distretti che rappresentiamo, quelli del Mobile e della Sedia, sono in forte ricerca di personale esperto – afferma il presidente Franco di Fonzo - da formare e da inserire all’interno nella produzione sartoriale. Per questo abbiamo programmato due incontri, la prossima settimana, in cui analizzeremo le figure professionali più adatte e ricercate, e studieremo assieme come formarle velocemente ed efficacemente ai fini di un inserimento occupazionale”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aperti alle associazioni di categoria e alle imprese operanti nel settore, gli incontri - in programma lunedì 5 febbraio a Brugnera e mercoledì 7 febbraio a Buttrio, entrambi alle 17.30 presso le sedi del Cluster - porteranno alla definizione di un progetto formativo specifico per la produzione e la progettazione di imbottiti. “Saranno raccolte le esigenze manifestate dalle imprese del Sistema casa regionale, le quali forniranno - spiega il direttore Carlo Piemonte - gli input necessari per l'istituzione di un corso, il cui obiettivo è la formazione e la qualifica di figure professionali per la realizzazione di imbottiti in Friuli Venezia Giulia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • Mascherine 3D riutilizzabili: l'invenzione di due aziende udinesi

  • Coronavirus: salgono a 1436 i casi positivi, 119 in più in un solo giorno

  • Triatleta corre 16 km in giardino «per le persone in prima linea per la nostra salute»

  • L'Ospedale cerca personale sanitario, la Casa di Cura lo mette in cassa integrazione: è scontro

  • Non resiste alla quarantena, apre il bar e si trova con gli amici

Torna su
UdineToday è in caricamento