"Ocjo". Gesteco aderisce al progetto Italia Loves Sicurezza

Domani, sabato 28 aprile, la Giornata Mondiale della Salute e della Sicurezza sul Lavoro. Questa mattina, a palazzo Torriani, la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa

“Per Confindustria, la sicurezza sul lavoro rappresenta prima di tutto un valore. Siamo convinti, infatti, che non si possa assicurare dignità al lavoro se non in condizioni di sicurezza. Ma il tema della sicurezza sul lavoro rappresenta anche un fattore decisivo di competitività e di sviluppo per le imprese ed ha ricadute oggettive sulla crescita delle singole aziende e dell’intero sistema produttivo”. Lo ha detto la presidente di Confindustria Udine, Anna Mareschi Danieli, intervenendo questa mattina, a palazzo Torriani, alla conferenza stampa, indetta da Gesteco spa di Povoletto, per presentare l’adesione di questa azienda del Gruppo Luci al progetto Italia Loves Sicurezza che avviene in occasione della ‘Giornata Mondiale della Salute e della Sicurezza sul Lavoro’ di domani, sabato 28 aprile. 

Per Mareschi Danieli, “non va mai abbassata la soglia dell’attenzione. L’importanza dei comportamenti sicuri e l’approccio responsabile al lavoro devono tornare a costituire patrimonio educativo dei nostri ragazzi fin dalle prime classi”. Occorre, in altre parole, un cambio culturale in cui il potenziale rischio è visto, riconosciuto ed affrontato da tutti, prima dell’incidente e del danno. Parimenti servono anche “regole chiare, semplici, facilmente applicabili, certezza del diritto: sono gli strumenti che servono per trasformare nobili principi in misure efficaci”. Ha confermato Adriano Luci, presidente di Gesteco: “Nel 2018 non è più accettabile solo pensare che si possa morire per lavorare”.

Ogni anno in Italia oltre 1.000 persone perdono la vita sul luogo di lavoro. A queste si aggiungono migliaia di vittime causate da incidenti stradali e domestici e migliaia di infortuni gravi occorsi al lavoro, in strada, in casa e nel tempo libero. Tutto questo è inaccettabile, perché frutto di una cultura che presta poca attenzione alla prevenzione e all’adozione di comportamenti e di stili di vita sani e sicuri. “Ognuno di noi – ha sottolineato Luci – deve partire alla mattina e rientrare a casa alla sera dal lavoro”. 

Qualcosa però sta iniziando a cambiare, sia nella percezione dei rischi che dell’importanza delle misure necessarie a tutela della salute e della sicurezza sul lavoro in Italia. È per questo motivo che Gesteco ha deciso di aderire ad Italia Loves Sicurezza, un progetto – ha ricordato Paolo Dorigo, RSPP della Gesteco spa - di portata nazionale ideato della Fondazione no profit LHS – Leadership in Health and Safety. Il progetto ILS18 mira alla divulgazione di buone pratiche attraverso forme alternative di comunicazione, per dare voce anche al nostro territorio ed alla nostra realtà.

Peraltro, da oltre 10 anni Gesteco è impegnata nell’utilizzo di canali originali e informali per promuovere sicurezza sul lavoro, fare prevenzione e migliorare le abitudini quotidiane delle persone. Da citare, tra i metodi di comunicazione innovativi, gli spettacoli teatrali di Ocjo che hanno raggiunto più di 22.000 persone in ambito prevenzione e sicurezza; sono spettacoli – come hanno evidenziato l’ideatore e coordinatore degli stessi, Bruzio Bisignano, l’attrice dei Trigeminus, Mara Bergamasco, e il testimonial Flavio Frigè – che parlando di sicurezza in modo diverso, anche divertente, sicuramente non banale. “Abbiamo voluto – spiega Bisignano – trasformare i concetti in emozione; abbiamo voluto parlare allo stomaco degli spettatori”. “A 17 anni – ha ricordato Frigè, vittima da giovanissimo di un drammatico incidente sul posto di lavoro – è bastato un attimo perché la mia adolescenza fosse cancellata. Ai ragazzi in platea dico chiaro e tondo che non voglio che succeda a loro quello che è successo a me”. “Noi come Trigeminus – ha aggiunto Mara Bergamasco - diamo invece un taglio comico al tema della sicurezza e siamo contenti che, oltre alla comicità, il messaggio della prevenzione e dell’attenzione arrivi a chi assiste agli spettacoli”.   

Gesteco, però, propone anche altri progetti personalizzati, che spaziano dallo storytelling ai video interattivi, ai workshop e a molte altre forme di comunicazione dinamica e coinvolgente. Da menzionare anche l’iniziativa “Chicchi di Sicurezza” realizzata in collaborazione con l’azienda CDA Distributori Automatici. “Anche una pausa caffè – ha rimarcato Fabrizio Cattelan, presidente di CDA –, con i nuovi distributori di bevande e alimenti touch screen che proiettano mini video in materia di sicurezza (oggi è stata presentata la seconda serie di filmati), può diventare l’occasione per sensibilizzare le persone sui comportamenti virtuosi da tenere. Piccoli gesti possono evitare grandi problematiche”.

Potrebbe interessarti

  • Leva militare: come funziona a Udine

  • Cantinetta del vino in casa, quale scegliere

  • Viaggio in auto: come combattere il caldo

I più letti della settimana

  • Lignano, chiamano il taxi ma arriva qualcun altro

  • Ritrovata Lorena in uno stavolo di montagna: è viva ma semi incosciente

  • Si distendono a terra aspettando le auto mentre l'amica li filma, ragazzini rischiano l'investimento

  • Giornata no per i locali lignanesi, chiusi il Mr. Charlie e La Pagoda di Pineta

  • Va dal medico perché in sovrappeso, scopre di essere incinta al settimo mese

  • Ruba un'auto, sperona i carabinieri e poi cerca di rubargli la pistola, arrestato

Torna su
UdineToday è in caricamento