Chiude la Mangiarotti, via 65 lavoratori dallo stabilimento di Sedegliano

La società ha deciso di trasferire tutta la produzione nello stabilimento di Monfalcone. Penalizzate anche altre 30 persone facenti parte dell'indotto

Chiude lo stabilimento "Mangiarotti" di Pannellia, nella zona industriale tra Sedegliano e Codroipo. La comunicazioe è stata data dalla proprietà ale organizzazioni sindacali nella mattinata di giovedì. I 65 dipendenti attivi saranno trasferiti nella sede di Monfalcone, tra giugno e settembre., dove sarà possibile gestire al meglio un’importante e complessa commessa che Mangiarotti si è aggiudicata nel settore oil&gas. Dunque la decisione non è legata a mancanza di lavoro, ma a mancanza di spazi per operare al meglio. La prossima settimana l’azienda incontrerà i sindacati e nell’occasione saranno trattate le condizioni economiche legate al trasferimento.

Shaurli

“Il Partito democratico è vicino ai lavoratori dello stabilimento Mangiarotti di Panellia, comprende le loro ragioni e quelle del territorio. In queste ore ho preso contatto con il sindaco di Sedegliano e con i sindacati, per valutare assieme le iniziative utili e percorribili ha dichiaratoil segretario del Pd Fvg Cristiano Shaurli.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scoperto mentre dormiva in auto tra i vigneti: arrestato latitante friulano

  • Cronaca

    Circola senza patente, provoca incidente e scappa

  • Cronaca

    Marina Azzurra, il giudice annulla il sequestro

  • Cronaca

    Si sposta il confine comunale di Udine, al via il Risiko con Pasian di Prato

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in autostrada lungo la A4

  • Sono due giovani operai le vittime del grave incidente autostradale

  • Dopo le grandi città tursitiche, è Lignano a dotarsi del sistema di self check-in e check-out

  • Rissa fra giovani in piazza Matteotti

  • Camion incastrato nel sottopassaggio di piazzale Cella

  • Sposa un'italiana per il permesso di soggiorno e poi la picchia e la violenta

Torna su
UdineToday è in caricamento