La friulana Autostar si fonde con Autotorino, per una macro azienda da 1500 collaboratori

Il nuovo soggetto da 1,2 miliardi di fatturato si posizionerà tra i primi 25 dealer europei

Autostar e Autotorino, due grandi protagonisti del settore italiano, si uniscono per dare vita ad un nuovo progetto che guarda ad occupazione, espansione e innovazione – il nuovo soggetto da 1.2 miliardi di fatturato si posizionerà tra i primi 25 dealer europei. Il 3 aprile 2019 a Milano è stato firmato l’accordo per un progetto di fusione tra Autotorino Spa e Autostar Spa: nascerà una realtà composta da 1.500 collaboratori, oltre 260.000 clienti, un fatturato aggregato di 1,2 miliardi di euro e 53.000 auto vendute (dati 2018). Non interverranno modifiche nella compagine sociale del nuovo soggetto aggregato.

Gli attori dell’accordo

A partire dagli anni Ottanta, il friulano Arrigo Bonutto, alla guida di Autostar e il valtellinese Plinio Vanini, presidente di Autotorino, insieme ai loro affiatati team, hanno costruito due realtà dell’automotive molto radicate nei propri territori di riferimento. Nel corso degli anni entrambe hanno consolidato una collaborazione di successo con brand di grande rilievo come BMW, Mercedes-Benz, Toyota, Hyundai, Kia e Jeep. La fusione di Autotorino e Autostar amplierà le opportunità di nuovi investimenti in processi e piattaforme per meglio competere nei servizi alla mobilità del cliente. Questo avverrà valorizzando i rispettivi patrimoni d’esperienza e di percorsi di ricerca e formazione, così da creare un incubatore di idee, progetti e servizi finalizzati ancor più efficacemente ad una lettura competitiva e proattiva dell’evoluzione del mercato e delle tendenze espresse dal pubblico. Il piano industriale che sarà presentato nei prossimi giorni conterrà innovativi progetti indirizzati alla qualità dell’esperienza di acquisto fisica e digitale dell’auto, con l’obiettivo di migliorare lo share di vendita nei presidi storici del nord Italia. Il target finanziario fissato sarà già per il 2019 un Ebitda aggregato di 47 milioni (+12% sul 2018).

Le dichiarazioni

L’accordo è stato firmato dal presidente di Autotorino Spa Plinio Vanini e dal presidente di Autostar Spa Arrigo Bonutto, accompagnati nel percorso preparatorio da Stefano Martinalli e Claudio Airò, rispettivamente Consigliere Delegato di Autotorino Spa e Direttore Generale di Autostar Spa. “Sono particolarmente orgoglioso di questa operazione” ha dichiarato Plinio Vanini, presidente di Autotorino SpA. “Con Autostar da tempo abbiamo sviluppato percorsi comuni di innovazione nei processi, nella formazione dei collaboratori, e da sempre condividiamo la visione dell’evoluzione del mercato auto. Sarà il partner ideale per continuare a crescere perché siamo convinti che negli attuali scenari di mercato esistano anche in Italia grandi opportunità per chi ha innanzitutto idee chiare e la volontà di metterle
concretamente in campo. Autotorino e Autostar hanno basi finanziarie solide, operano in territori dalle grandi potenzialità di sviluppo ed abbiamo già potuto sperimentare un forte affiatamento di tutte le persone coinvolte in questo percorso preparatorio. Il nuovo gruppo sarà il primo dealer italiano in grado di guardare con ambizione anche oltre i confini nazionali, con un modello che mette al centro le persone e la loro gratificazione: tanto nella dimensione professionale all’interno dei team di lavoro, quanto nell’esperienza da parte dei Clienti”. “Il nuovo gruppo nasce dall’aggregazione di aziende che vogliono continuare a svilupparsi” ha aggiunto Arrigo Bonutto, presidente di Autostar SpA. “Dall’integrazione si genereranno vantaggi per tutti: per i dipendenti e collaboratori, che opereranno in un’azienda più grande che avrà una eccezionale propensione all’innovazione e offrirà una migliore crescita professionale; per le case automobilistiche che potranno contare su un partner capace di valorizzare al meglio i loro brand; per i nostri clienti che avranno condizioni e servizi sempre migliori. Un vantaggio anche per il nostro territorio, su cui abbiamo intenzione di continuare ad investire anche sotto il profilo occupazionale e sviluppando ulteriormente l’indotto”.

Cosa cambierà

Al termine del progetto di fusione e a integrazione avvenuta, i marchi Autostar e Autotorino saranno mantenuti a livello commerciale, e le due aziende continueranno ad operare negli attuali territori con nuovi investimenti in professionalità e processi. L’operazione è subordinata all’approvazione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. La fusione sarà operativa da luglio 2019. Gli advisor legali dell’operazione sono lo studio Osborne Clarke di Milano per Autotorino e Ponti & Partners di Udine con il Rag. Federico Giorgione di Udine per Autostar.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Schianto nelle notte, feriti 4 ragazzi friulani

  • Cronaca

    Papà si distrae un attimo e perde la figlioletta

  • Cronaca

    Furti in auto: i ladri colpiscono in città e in provincia

  • Cronaca

    Fischi e insulti per il sindaco Fontanini, lui risponde con "Viva la Resistenza, vive il Friûl"

I più letti della settimana

  • Due morti in A23 in un tamponamento a catena

  • Scontro in Veneto, grave un 23enne dj friulano

  • Due donne sono le vittime del terribile incidente autostradale sulla A23

  • Carne bandita, a Pasquetta si inaugura il primo borgo vegano d'Italia

  • Si scontrano auto e moto, centuaro elitrasportato in ospedale

  • Incidente mortale sulla A23, scontro tra un camper e un'auto

Torna su
UdineToday è in caricamento