Gli industriali a Fedriga: "Le risorse vanno destinate alla crescita”

La preoccupazione degli imprenditori friulani per alcune scelte compiute dal Governo nazionale

Un metodo di lavoro condiviso: il dialogo continuo. E un obiettivo comune: la crescita e il lavoro. E’ ruotato attorno a questi due cardini l’incontro tra Anna Mareschi Danieli e il presidente della Regione Massimiliano Fedriga, ospitato a palazzo Torriani per un confronto a tutto campo sui temi di politica industriale, presente l’intero Consiglio di presidenza di Confindustria Udine. “Senza imprese non c’è sviluppo, non c’è lavoro, non c’è inclusione sociale”, ha affermato Anna Mareschi Danieli nel suo intervento introduttivo, ricordando che Confindustria Udine, alla vigilia delle ultime elezioni regionali, ha elaborato un documento programmatico a medio termine nel quale sono state messe per iscritto proposte puntuali in tal senso. Le priorità individuate sono: continuità delle politiche a sostegno del manifatturiero che si sono dimostrate efficaci, con particolare attenzione a innovazione, fattori localizzativi, infrastrutture, internazionalizzazione, accesso al credito, ambiente ed energia; formazione e centralità delle risorse umane quale fattore di competitività; necessità di un maggiore coordinamento tra diversi soggetti e attività a livello regionale per evitare le duplicazioni favorire le specializzazioni.

Le preoccupazioni sul Governo

“Noi stiamo facendo del nostro – ha sottolineato la presidente -  grazie anche alla recente intesa con ConfApi Fvg che ci permetterà di far sentire di più la nostra voce, ottimizzare i servizi alle imprese e creare sinergie”. “Alla politica non chiediamo soluzioni immediate – ha aggiunto la presidente -, ma una visione di medio-lungo termine che ci guidi verso la crescita”. Anna Mareschi Danieli ha poi sottolineato “la preoccupazione degli Industriali friulani per alcune scelte compiute dal Governo nazionale”. “Non siamo pregiudizialmente contrari ad una manovra innovativa che prenda una direzione diversa rispetto al passato – ha aggiunto -, ma il punto è che se si fa maggiore deficit per avere più risorse a disposizione, queste devono essere destinate alla crescita”.

Lavoro in Fvg

Tornando al Friuli Venezia Giulia, Anna Mareschi Danieli ha concluso così il suo intervento: “ll nostro obiettivo è la costruzione di una regione innovativa, sostenibile, inclusiva. La competizione globale non si gioca solo sulle imprese, ma anche sui sistemi territoriali. Vogliamo una regione più friendly per chi fa impresa, più appetibile per i talenti, più forte economicamente e dunque con le risorse sufficienti per costruire un tenore di vita complessivo migliore per i suoi abitanti. So che la pensiamo allo stesso modo. Il Friuli Venezia Giulia deve coltivare l’ambizione ad essere il primo della classe, una regione modello. I fondamentali per raggiungere questo traguardo ci sono. Facciamolo insieme”.

Fedriga:

Un appello raccolto e condiviso dal governatore Fedriga sia nel metodo, sia nel merito. Il presidente della Regione, infatti, ha affermato che “avremo successo soltanto se facciamo squadra e ci diciamo le cose. Per questa ragione, abbiamo avviato questa legislatura regionale all’insegna dell’ascolto delle categorie. A noi spetta il compito di fare una sintesi di tulle le istanze raccolte per lo sviluppo del territorio, che è l’obiettivo comune per tutti noi e che dobbiamo perseguire insieme”. Dopo aver ricordato i provvedimenti già messi in campo dalla Giunta regionale in materia fiscale, sul fronte degli investimenti e sul terreno della riforma della sanità, oltre all’annosa questione della negoziazione con lo Stato di maggiori risorse da destinarsi agli investimenti, Fedriga ha concluso raccogliendo l’invito degli industriali friulani a condividere un percorso di dialogo continuo e di confronto di merito sui temi di politica industriale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Scuole chiuse, niente eventi sportivi, musei e messe per una settimana: Friuli pronto a fermarsi completamente

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • Coronavirus, tutto quello che chiude fino al primo marzo

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

Torna su
UdineToday è in caricamento