Finalmente possibile l'esportazione tutelata del Prosciutto di San Daniele in Canada

Con l'approvazione del Parlamento europeo al Ceta, l'accordo economico e commerciale tra Unione Europea e Canada, sono oltre 140 i prodotti europei a Indicazione Geografica tutelati sul mercato canadese. Fra questi anche il Prosciutto di San Daniele

Due giorni fa è arrivato il via libera del Parlamento europeo al Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement), l'accordo di libero scambio tra il Canada e l'Unione Europea.  Ora, per entrare in vigore, dovrà essere approvato anche dai parlamenti nazionali e regionali dei 28 Stati membri. L'Ue è per il Canada il secondo partner commerciale dopo gli Usa e rappresenta quasi il 10% del suo commercio estero. Un rapporto impari, visto che per l'Europa il Canada è dodicesimo nella classifica dei rapporti commerciali. L’adozione di questo trattato, ratificato mercoledì 15 febbraio e in applicazione provvisoria da Aprile 2017, vedrà la protezione di oltre 140 indicazioni geografiche europee di cibi e bevande in vendita sul mercato canadese. Di tutti i marchi a tutela previsti dai negoziati e riconosciuti dal Canada, sono 41 le Indicazioni Geografiche italiane, tra le quali il prosciutto di San Daniele, che rappresentano il maggior valore dei prodotti tutelati riconosciuti nell'accordo.
 
Il CETA riconoscerà il diritto di commercializzare sul mercato canadese i prodotti agroalimentari europei oggetto dell’accordo, utilizzando i rispettivi nomi in quanto contenenti le indicazioni geografiche di origine e provenienza. In Canada, infatti, come per molti altri paesi del mondo, non esiste un sistema di riconoscimento e protezione di prodotti agroalimentari con denominazione d’origine territoriale. Questo ha fatto sì che, negli anni ’70, la registrazione del marchio “San Daniele” avvenisse da parte di un’azienda canadese, bloccando di fatto la registrazione dell’originale prodotto friulano che nel paese americano ha dovuto essere esportato sotto il nome di Authentic Italian Prosciutto.
 
CPSD_Logo_rosso-2Una volta entrato in vigore, l’accordo consentirà la coesistenza dei due marchi sul mercato, il “San Daniele canadese” e il Prosciutto di San Daniele originale, con i relativi simboli di identificazione sulle confezioni, per una riconoscibilità più immeditata e una completa tutela del consumatore, per il quale sarà più facile scegliere il prodotto desiderato.
 
CPSD_Direttore_Mario Emilio Cichetti m-2Risale al 2013 la tappa fondamentale dei negoziati per il riconoscimento in Canada delle DOP (Denominazione di Origine Protetta) e delle IGP (Indicazione Geografica Protetta) d’Italia e d’Europa, grazie all’accordo di Libero scambio tra il Presidente della Commissione Europea, allora Manuel Barroso, e il Primo Ministro Canadese, allora Stephen Harper.
 
“Si tratta di un accordo di buon valore per il Prosciutto di San Daniele DOP perché la tutela del nostro prodotto permette di sostenere il settore e incentivare l’export - spiega Mario Cichetti, Direttore del Consorzio del Prosciutto di San Daniele – Per noi si tratta di un importante passo avanti che apre nuove opportunità di crescita sul mercato canadese, grazie ai valori condivisi con l’ampia e radicata comunità di origine italiana che conta 140.612 residenti nel paese, pari quasi al 3% dei circa 9 milioni di italiani residenti all’estero".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Incidenti stradali

      Cade dallo scooter, grave un 28enne di Pasian

    • Politica

      Elettrodotto Udine Ovest-Redipuglia: fra 7 mesi la risposta del Tar del Lazio

    • Incidenti stradali

      Scontro tra auto e moto a Santa Caterina, un ferito grave

    • Cronaca

      Sos morbillo in Friuli: “Inutili rischi letali evitabili con la vaccinazione”

    I più letti della settimana

    • Confcommercio contro l'abolizione dei voucher: "Imprese danneggiate"

    • Nuove assunzioni a tempo indeterminato, Fvg al -19,4% a gennaio

    • Per rilanciare il turismo dell'Alto Adriatico ci vogliono più infrastrutture

      Torna su
      UdineToday è in caricamento